firme OGM cremaschi SPA

FIN DOVE IL REGIME MASSONICO PUÒ SPINGERSI NELLA DISTRUZIONE DELLA FAMIGLIA NATURALE! LE ADOZIONI SONO BOICOTTATE DALLO STATO! mary cryss: http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/nobile-la-giungla-delle-adozioni-internazionali_606269.html
Le adozioni sono ridotte perché C'É un disegno che le impedisce. Le iene hanno perfino interrogato Pillon
https://plus.google.com/106687390527706830615/posts/BguuVeQiYHN
Le Iene - NOBILE: La giungla delle adozioni internazionali
Perché il presidente dalla CAI, Silvia Della Monica, non riunisce la commissione da più di due anni?
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/nobile-la-giungla-delle-adozioni-internazionali_606269.html
===========
 «Asad Shah ha mancato di rispetto a Maometto, per questo l’ho ucciso» aprile 8, 2016 Leone Grotti
Tanveer Ahmed, sunnita, ha confessato di aver ucciso il negoziante di Glasgow, il musulmano ahmadi che augurava “buona Pasqua”  Il sospetto è diventato conferma. L’assassinio di Asad Shah, 40 anni, musulmano proprietario di un piccolo negozio a Glasgow, Scozia, non è stata una reazione islamofoba di qualche estremista di destra agli attentati di Bruxelles, ma il frutto di odio religioso. Odio religioso islamico.
«L’HO UCCISO PER UN MOTIVO». Il 26 marzo, secondo testimoni oculari, Tanveer Ahmed è entrato nel negozio di Shah e ha discusso con lui animatamente. Poi l’ha accoltellato, calpestato e si è seduto sopra di lui ridendo. Quando il fratello di Shah l’ha scoperto, si è dovuto contendere il corpo con l’assassino a forza, mentre questo continuava a colpirlo. Ahmed è stato subito arrestato, ma solo mercoledì 6 aprile ha confessato attraverso il suo avvocato. «L’ho ucciso per un solo motivo», sono le sue esatte parole riportate dal legale, «e per nessun’altra ragione: Asad Shah ha mancato di rispetto al messaggero dell’islam, il profeta Maometto, sia pace su di lui. Shah pretendeva di essere un profeta».
ISLAM E AHMADI. Questa dichiarazione sarebbe facile da comprendere se ci trovassimo in Pakistan, ma poiché tutto avviene in Gran Bretagna ha dell’incredibile. Shah apparteneva alla comunità ahmadi, una setta minoritaria dell’islam nata in India, che considera Mirza Ghulam Ahmad (morto nel 1908) come profeta venuto dopo Maometto e incaricato di concludere la sua missione da Allah. La setta, che con 10-20 milioni circa di aderenti costituisce a malapena l’1 per cento dell’islam, è diffusa soprattutto in Pakistan, dove è considerata blasfema dalla maggioranza sunnita, che la perseguita costantemente e ferocemente.
BRADFORDISTAN. A quanto pare, gli ahmadi non sono al sicuro neanche in Gran Bretagna. L’assassino, Ahmed, proviene da Bradford e ha percorso circa 300 chilometri per uccidere Shah. Bradford è la città inglese dove i musulmani, praticamente tutti sunniti, costituiscono oltre il 25 per cento della popolazione con circa 132 mila fedeli provenienti dal Pakistan. Non a caso la città è soprannominata Bradfordistan ed è il luogo dove si è svolta l’incredibile epopea della famiglia di Nissar Hussain, cristiano pakistano convertitosi dall’islam e per questo perseguitato da 15 anni e quasi ucciso nel 2015 dai suoi ex amici musulmani.
«BUONA PASQUA AI CRISTIANI». Perché, sui 25 mila ahmadi residenti in Gran Bretagna, Ahmed ha ucciso proprio Shah? Solo pochi giorni prima, la vittima aveva scritto su Facebook: «Buona Pasqua specialmente alla mia amata nazione cristiana… seguiamo le orme dell’amato Gesù Cristo e portiamole al successo in entrambi i mondi». Nel comunicato affidato al suo avvocato, Ahmed ha negato di averlo assassinato per gli auguri di Pasqua: «Voglio che sia chiaro che l’incidente non ha niente a che fare con il cristianesimo. Anche se sono un seguace del profeta Maometto, amo e rispetto anche Gesù Cristo».
«SE NON L’AVESSI UCCISO IO». La precisazione non è rassicurante, anche perché Ahmed non si pente affatto dell’omicidio. Anzi, dopo aver fatto propaganda religiosa, conclude con un particolare inquietante: «Se non l’avessi ucciso io, l’avrebbero fatto altri e ci sarebbero stati più omicidi e violenza nel mondo». La famiglia di Shah, dopo i funerali, è ancora sotto sorveglianza per timore di nuovi attacchi.
PAKISTAN O GRAN BRETAGNA? Il Consiglio dei musulmani della Gran Bretagna, dopo aver condannato le violenze, ha commentato affermando che «i musulmani non dovrebbero essere costretti ad accettare gli ahmadi» all’interno dell’islam. A queste parole la comunità ahmadi inglese ha reagito duramente: «È evidente che nessuno li costringe, sono loro che ci escludono. Questa è la stessa intolleranza che ha favorito la crescita dell’estremismo in Pakistan». Ma non siamo in Pakistan, siamo in Gran Bretagna.
http://www.tempi.it/asad-shah-ha-mancato-di-rispetto-a-maometto-per-questo-ho-ucciso#.Vwi9O5BstxA

============

Pakistan. Terroristi islamici aprono una corte della sharia illegale a Lahore: «Pericolo per i cristiani»
aprile 8, 2016 Leone Grotti
La corte non è riconosciuta dallo Stato pakistano, eppure recapita avvisi di garanzia e preleva a forza gli imputati. «Renderà la vita impossibile alle minoranze»
Khalid Saeed è un pakistano che vive a Lahore, capitale del Punjab, e ha avuto problemi con la giustizia nel 2010. Condannato in tribunale, ha pagato un’ammenda ed è tornato a condurre una vita normale. Ma a gennaio del 2016 ha ricevuto per lo stesso crimine un secondo avviso di garanzia da una seconda corte: la Corte federale della sharia. L’unico problema è che questa corte non dovrebbe esistere, non essendo riconosciuta dallo Stato.
CORTE DELLA SHARIA. Da tre mesi Saeed non esce di casa, perché degli uomini l’hanno chiamato al telefono minacciandolo che se non fosse comparso davanti alla corte il 25 gennaio, sarebbero andati a prelevarlo con la forza al lavoro. Saeed ha informato le autorità e sul suo caso dovrebbe indagare la polizia, che però non può essere raggiunta dall’uomo visto che gli sgherri della corte della sharia si aggirano per le strade su un pick-up. http://www.tempi.it/pakistan-terroristi-islamici-aprono-una-corte-della-sharia-illegale-a-lahore-pericolo-per-i-cristiani#.Vwi-BpBstxA

=============
IL SITO DELLA MIA AMICA CATTOLICA https://www.youtube.com/user/Yeevooihon/discussion CHE FU UCCISA, ED ACHRATO IL SUO SITO IN YOUTUBE? ORA, DA ESSERE STATO IL SITO DI UNA GANG, ORA È DIVENTATO UN SITO PORNOGRAFICO!

IL SITO DEL MIO AMICO PRINCIPE SAUDITA https://www.youtube.com/user/511Leader/discussion
LUI È DIVENTATO MUTO, cn me, PERCHÉ LUI NON SA COSA DOVERMI RISPONDERE, che è PERCHÉ SALMAN È UN TERRORISTA CHE FA PAURA!

==========
Usa, la battaglia dei farmacisti contro la legge che li costringe a vendere pillole abortive
 : Usa, farmacisti contro la legge anti-obiezione Per capire cosa può succedere a una famiglia e alla sua attività commerciale quando la libertà religiosa e di coscienza viene negata dalla legge, bisogna seguire il caso di Greg Stormans, farmacista americano residente a Olympia, nello stato di Washington, che martedì ha concesso un’intervista alla Catholic News Agency (Cna).
IL RIFIUTO. «Crediamo che la vita sia preziosa e che cominci dal concepimento. Vogliamo promuovere la vita e la vera salute, non la morte né nient’altro che sia in contrasto con le nostre convinzioni». Per questa sua certezza, e per essersi rifiutato di obbedire al regolamento statale approvato nel 2007 che impedisce ai farmacisti l’esercizio dell’obiezione di coscienza rispetto a farmaci abortivi come la “pillola del giorno dopo” o la EllaOne dei “cinque giorni dopo”, Greg e la sua famiglia hanno dovuto ridimensionare un’attività portata avanti per quattro generazioni e subire minacce e boicottaggi. Anziché abbassare le saracinesche della farmacia, gli Stormans però hanno scelto di dare battaglia per difendere la propria libertà, avviando un procedimento legale contro lo Stato di Washington.
LICENZIAMENTI. Fino al 2007, Greg Stormans aveva potuto rifiutarsi di vendere le pillole che «uccidono il feto» senza temere conseguenze, anche perché nel raggio di cinque miglia dalla sua farmacia ne operano altre trenta. Quando il regolamento è passato, Washington è diventato il primo Stato d’America a proibire ai farmacisti l’obiezione per motivi di coscienza o religiosi. Una “svolta” che per la famiglia Stormans ha avuto conseguenze molto concrete: boicottaggio e calo delle vendite del 30 per cento. Così Greg è stato costretto a licenziare il 10 per cento dei dipendenti: «Mi ricordo di essermi sentito addosso il peso del mondo, sapendo che avremmo dovuto fare a meno di una parte del nostro personale che è come una famiglia per noi e che lavorava per noi da anni». Commosso, l’uomo ha raccontato alla Cna che alcuni dei dipendenti lasciati a casa «hanno detto di non sapere come avrebbero pagato il mutuo o la bolletta dell’elettricità. È stata durissima».
Leggi di Più: Usa, farmacisti contro la legge anti-obiezione | Tempi.it
http://www.tempi.it/usa-la-battaglia-dei-farmacisti-contro-la-legge-che-li-costringe-a-vendere-pillole-abortive#.Vwij0supVAg
Terribile ...negli Usa poi ultimamente può succedere di tutto .Era una bellissimo Paese fino a quando a far da cardine della società è stata la classica famiglia americana. ..poi hanno voluto emanciparsi da tutto religione compresa e ora assistiamo al suo declino morale e civile .Quello che è peggio... che qui da noi vogliamo fare lo stesso con un desiderio di autodistruzione che non riesco davvero a comprendere.Di solito dagli errori altrui si fa tesoro soprattutto x non commetterli anche noi ..invece. ...
==============================
Hamas lascia demolire l’antica chiesa bizantina a Gaza

Videogallery
Hamas lascia demolire l’antica chiesa bizantina a Gaza
aprile 8, 2016

«Che differenza c’è fra i funzionari del Waqf a Gaza e quelli dell’Isis, quando spianano coi bulldozer le antichità e un tesoro religioso e culturale?». Sono queste le parole usate da un cristiano palestinese per esprimere tutta la propria indignazione per quanto accaduto settimana scorsa a Gaza.



CHIESA DI 1500 ANNI. Sabato scorso, durante i lavori di scavo per l’edificazione di un centro commerciale, vengono alla luce le rovine di una antichissima chiesa bizantina. L’edificio, dicono fonti locali, dovrebbe risalire a circa 1500 anni fa. La scoperta sembra essere importante tanto che Jamal Abu Rida, capo del ministero delle antichità dell’Autorità Palestinese, si reca sul luogo e rilascia un’intervista alla Reuters in cui conferma questa ipotesi: «Il nostro primo pensiero è stato che si trattasse di una chiesa di epoca bizantina».
Il problema, però, è che le scavatrici e i bulldozer non si sono fermati, proseguendo imperterriti nei loro lavori predisponendo le fondamenta del centro commerciale, senza alcuna sospensione e recuperando solo una quindici di pezzi tra capitelli e altri piccoli (e bellissimi) reperti. A quanto pare avrebbero addirittura accelerato i lavori una volta scoperti e rimossi i reperti.



LA VERITA’ SU HAMAS. Un sacerdote, padre Ibrahim Nairouz, ha denunciato l’episodio con due lettere indirizzate alle autorità palestinesi colpevoli di essere rimaste inerti di fronte al ritrovamento: «Se avessero trovato i resti di una moschea o di una sinagoga o di qualsiasi altra struttura antica – ha chiesto padre Nairouz – avrebbero affrontato la situazione nello stesso modo? Fanno così perché è una antica chiesa?».
La zona è sotto il controllo di Hamas e, secondo i cristiani, «è evidente che il patrimonio e gli esseri umani cristiani sono sotto tiro nella nostra regione». Molti di loro hanno protestato su internet e sui social network, sostenendo padre Nablus. «Stanno cercando di cambiare la storia che dimostra che Gaza è stata una delle antiche città cristiane?» ha chiesto uno. «La domanda è: dove sono coloro che si preoccupano di conservare il nostro patrimonio cristiano?», ha scritto un altro. «Dove sono i capi delle chiese di Gerusalemme e del mondo? Dove sono i vescovi e arcivescovi, cosa li trattiene dall’affrontare un grave incidente che va nel senso della cancellazione della nostra identità cristiana in Terra Santa? Dove sono il Vaticano e l’Unesco?». «Questo incidente deve essere pubblicizzato in modo che il mondo sappia la verità su Hamas»
http://www.tempi.it/videogallery/hamas-demolire-antica-chiesa-bizantina-gaza#.Vwi7r5BstxA

=================
http://liberogiornale.com/egiziano-entra-al-bar-rapina-lincasso-e-stupra-le-due-bariste-subito-ai-domiciliari/

Nell'esortazione Amoris Laetitia il Papa apre ai sacramenti ai divorziati risposati, che "devono essere più integrati nelle comunità cristiane" e per i quali si deve valutare quali "forme di esclusione" "possono essere superate". Francesco indica la via del discernimento dei singoli casi e l'accompagnamento pastorale in un'ottica di pentimento, tenendo conto che "il grado di responsabilità non è uguale in tutti i casi" e "gli effetti di una norma non devono essere sempre gli stessi", "nemmeno per quanto riguarda la disciplina sacramentale".

"Ai divorziati che vivono una nuova unione è importante far sentire che sono parte della Chiesa, che non sono scomunicati". "Nessuno può essere condannato per sempre, perché questa non è la logica del Vangelo!", ribadisce il Papa.

"Nessuno può pensare che indebolire la famiglia come società naturale fondata sul matrimonio sia qualcosa che giova alla società. Accade il contrario: pregiudica la maturazione delle persone, la cura dei valori comunitari e lo sviluppo etico delle città e dei villaggi", sottolinea il pontefice. "Le unioni di fatto o tra persone dello stesso sesso, per esempio, non si possono equiparare semplicisticamente al matrimonio. Nessuna unione precaria o chiusa alla trasmissione della vita ci assicura il futuro della società".

La persona omosessuale "va rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto, con la cura di evitare 'ogni marchio di ingiusta discriminazione' e particolarmente ogni forma di aggressione e violenza". Papa Francesco aggiunge però - e riprendendo tale concetto dalla Relazione finale del Sinodo - che "non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia".
===============
mary cryss: [ questa notizia è una bufala conclamata ] 'Non ho stretto la mano a Renzi perché sta rovinando l’Italia'. Il re norvegese si sfoga in conferenza stampa [ questa notizia è una bufala conclamata ] ma, le motivazioni, ADDOTTE, della invasione islamica avendo noi il 40% di disoccupati e la equiparazione del matrimonio gay? SONO TUTTE MOTIVAZIONI LEGITTIME, per respingere la positività di questo Governo!
=============
Gil De Gamesh ** 08/04/2016 ** Il consigliere di Ratzinger attacca: "Vi spiego il ricatto islamista" ** Samir Khalil Samir, islamologo e consigliere di Benedetto XVI per i rapporti con l'islam, analizza il ricatto islamista contro l'Europa cristiana. "Le città sono già occupate". Dagli islamici, dall'islam radicale.
Non usa mezzi termini Samir Khalil Samir, islamologo e consigliere di Benedetto XIV per i rapporti con l'islam.
In un lungo articolo pubblicato oggi sul Foglio, il docente al Pontificio Istituto Orientale di Roma, analizza senza peli sulla lingua la realtà e il ricatto dell'islam all'Europa cristiana.
"Le città sono già occupate - scrive - gli immigrati vanno a stabilirsi attorno alla città e la conseguenza più banale è che si formano dei quartieri abitati solo da immigrati".
Così si formano le Molenbeek di tutta Europa.
Quartieri dove la sharia diventa legge. E dove i musulmani la fanno da padroni.
Si radicalizzano, fanno proselitismo.
E l'Europa, gli Stati restano a guardare.
Il motivo, spiega Samir, è che gli occidentali NON hanno capito che "l'Islam NON è una religione nel senso cristiano della parola".
"Per noi la religione è un rapporto personale tra me e Dio - aggiunge - nel sistema islamico, la religione E' TUTTO. È un progetto globale: spirituale, sociale, intellettuale, familistico, economico, politico e militare. Include il modo di mangiare, di vestirsi, di stare con gli altri, di vivere. L'islam entra in ogni cosa".
Questo sistema è quello "wahabita, salafita o dei fratelli musulmani.
Tutti vanno nella stess linea, e cioè di imporre un modo di essere musulmano.
E questo determina che un quartiere, una città, o un paese intero divenga sempre più diretto da questo gruppuscolo che ha un progetto chiaro e determinato, nonché spesso finanziato dai ricchi paesi petroliferi".
Per riuscire a conquistare le città italiane c'è bisogno di una moschea.
E così la mettono al centro del loro progetto.
La pretendono dalle autorità statali.
E fanno di tutto per farsela concedere.
Fanno preghiere in piazza, occupano le strade per invocare Allah.
Quando la ottengono, poi, la trasformano in un centro di propaganda islamista con "volumi fatti a mero scopo propagandistico".
Il problema - sentenzia l'ex consigliere di Ratzinger - "è che gli europei pensano che una moschea sia come una chiesa. Ma nella chiesa si prega, NON si fa politica".
Ecco quindi la differenza tra cristianesimo e islam:
il PRIMO "dice la sua, ma non ha la possibilità di fare pressione sulla gente";
il SECONDO, invece, permea tutta la vita degli aderenti alla comunità.
"C'è una sorta di ricatto, uno scambio: usano tutto a fini politici": come le proteste per le moschee troppo piccole, o il fatto che lo Stato NON dia la stessa dignità al cristianesimo e all'islam.
Ma è un ricatto.
Il ricatto islamista.
"La verità - scrive Semir - è che siamo incoscienti: se si impediosce di occupare le strade, passa l'idea che si sia anti-musulmani.
Invece è solo una norma di buon senso.
Gli islamisti, i fondamentalisti islamici usano tutti i mezzi per imporsi".
"I gruppi radicali - continua - hanno come scopo principale di diffondere la loro visione dell'islam, perché per loro è quello l'autentico islam. Di conseguenza questi quartieri che un tempo erano misti, diventano quartieri musulmani radicali".
Infine, il consigliere di Ratzinger smonta la retorica buonista:
"Lo Stato - scrive - deve spiegare agli immigrati che ci sono delle condizioni necessarie da rispettare, prima di tutte la necessità d'imparare la lingua nazionale (...) e che ci si comporta NON solo secondo le leggi, ma anche secondo le norme e le usanze delle NOSTRE società".
Poi aggiunge: "È banale ricondurre l'ondata integralista nelle banlieue a problemi socio-economici. Riflettiamo sulla disoccupazione: sono disoccupati perché NON hanno imparato un mestiere in modo corretto, in modo da essere ricercati e NON rigettati".
Ecco perché NON bisogna piegarsi al ricatto islamico.
Non bisogna cedere.
Nei musulmani c'è la "volontà di marginalizzarsi. Bisogna confrontarsi con un fatto chiaro: l'Europeo è diverso dal musulmano nella sua mentalità. La causa di ciò non è lo Stato: la causa sono io, musulmano, che rifiuto l'integrazione in nome della fede".
**************
Ci sarà tempo e modo per discutere dell’esortazione postsinodale “Amoris laetitia”, resa nota oggi da papa Francesco. Nel frattempo, eccone alcuni passaggi.

Utero in affitto
54. […] La violenza verbale, fisica e sessuale che si esercita contro le donne in alcune coppie di sposi contraddice la natura stessa dell’unione coniugale. Penso alla grave mutilazione genitale della donna in alcune culture, ma anche alla disuguaglianza dell’accesso a posti di lavoro dignitosi e ai luoghi in cui si prendono le decisioni. La storia ricalca le orme degli eccessi delle culture patriarcali, dove la donna era considerata di seconda classe, ma ricordiamo anche la pratica dell’“utero in affitto” o la “strumentalizzazione e mercificazione del corpo femminile nell’attuale cultura mediatica”. C’è chi ritiene che molti problemi attuali si sono verificati a partire dall’emancipazione della donna. Ma questo argomento non è valido, “è una falsità, non è vero. È una forma di maschilismo”.

Gender
56. Un’altra sfida emerge da varie forme di un’ideologia, genericamente chiamata “gender”, che “nega la differenza e la reciprocità naturale di uomo e donna. Essa prospetta una società senza differenze di sesso, e svuota la base antropologica della famiglia. Questa ideologia induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un’identità personale e un’intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina. L’identità umana viene consegnata ad un’opzione individualistica, anche mutevole nel tempo”. È inquietante che alcune ideologie di questo tipo, che pretendono di rispondere a certe aspirazioni a volte comprensibili, cerchino di imporsi come un pensiero unico che determini anche l’educazione dei bambini. Non si deve ignorare che « sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender), si possono distinguere, ma non separare ». D’altra parte, « la rivoluzione biotecnologica nel campo della procreazione umana ha introdotto la possibilità di manipolare l’atto generativo, rendendolo indipendente dalla relazione sessuale tra uomo e donna. In questo modo, la vita umana e la genitorialità sono divenute realtà componibili e scomponibili, soggette prevalentemente ai desideri di singoli o di coppie ». Una cosa è comprendere la fragilità umana o la complessità della vita, altra cosa è accettare ideologie che pretendono di dividere in due gli aspetti inseparabili della realtà. Non cadiamo nel peccato di pretendere di sostituirci al Creatore. Siamo creature, non siamo onnipotenti. Il creato ci precede e dev’essere ricevuto come dono. Al tempo stesso, siamo chiamati a custodire la nostra umanità, e ciò significa anzitutto accettarla e rispettarla come è stata creata.

Diritto alla vita
83. In questo contesto, non posso non affermare che, se la famiglia è il santuario della vita, il luogo dove la vita è generata e curata, costituisce una lacerante contraddizione il fatto che diventi il luogo dove la vita viene negata e distrutta. È così grande il valore di una vita umana, ed è così inalienabile il diritto alla vita del bambino innocente che cresce nel seno di sua madre, che in nessun modo è possibile presentare come un diritto sul proprio corpo la possibilità di prendere decisioni nei confronti di tale vita, che è un fine in sé stessa e che non può mai essere oggetto di dominio da parte di un altro essere umano. La famiglia protegge la vita in ogni sua fase e anche al suo tramonto. Perciò a coloro che operano nelle strutture sanitarie si rammenta l’obbligo morale dell’obiezione di coscienza.
Omosessuali
250. La Chiesa conforma il suo atteggiamento al Signore Gesù che in un amore senza confini si è offerto per ogni persona senza eccezioni. Con i Padri sinodali ho preso in considerazione la situazione delle famiglie che vivono l’esperienza di avere al loro interno persone con tendenza omosessuale, esperienza non facile né per i genitori né per i figli. Perciò desideriamo anzitutto ribadire che ogni persona, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto, con la cura di evitare “ogni marchio di ingiusta discriminazione” e particolarmente ogni forma di aggressione e violenza. Nei riguardi delle famiglie si tratta invece di assicurare un rispettoso accompagnamento, affinché coloro che manifestano la tendenza omosessuale possano avere gli aiuti necessari per comprendere e realizzare pienamente la volontà di Dio nella loro vita.

Nozze gay
251. Nel corso del dibattito sulla dignità e la missione della famiglia, i Padri sinodali hanno osservato che “circa i progetti di equiparazione al matrimonio delle unioni tra persone omosessuali, non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia”; ed è inaccettabile “che le Chiese locali subiscano delle pressioni in questa materia e che gli organismi internazionali condizionino gli aiuti finanziari ai Paesi poveri all’introduzione di leggi che istituiscano il ‘matrimonio’ fra persone dello stesso sesso”.

Leggi di Più: Gay, vita, gender. Cosa dice la Amoris laetitia | Tempi.it
http://www.tempi.it/blog/nozze-gay-vita-gender-cosa-dice-la-amoris-laetitia#.Vwi-R5BstxA

**************
 SIGNORAGGIO: FRASE BOMBA DEL CAPO ECONOMISTA BCE MA REPUBBLICA LA CENSURA. ECCOLA
Una frase-bomba del capo economista Bce, tagliata da Repubblica, assegnava il signoraggio monetario ai cittadini invece che allo Stato
di Tino Oldani
Il sito della Banca centrale europea dedica una sezione alle interviste rilasciate dai suoi maggiori esponenti, ripubblicandole in inglese, con l’indicazione dei giorni in cui l’intervista è stata rilasciata e della pubblicazione. Apprendiamo così che l’intervista di Repubblica a Peter Praet, capo economista della Bce, è stata fatta il 15 marzo e pubblicata il 18 marzo. È evidente che, nei tre giorni intercorsi, il testo è stato controllato e autorizzato da Praet. Fin qui, nulla di strano: le affermazioni ufficiali di un dirigente di primo piano della Bce, istituzione che guida la politica monetaria europea, assumono per forza di cose un rilievo a livello mondiale, e una parola o un aggettivo fuori posto possono avere sui mercati ripercussioni diverse da quelle previste. Si dà però il caso che l’intervista a Praet pubblicata sul sito della Bce contenga una frase che su Repubblica, stranamente, non c’era, privando così i lettori di un concetto non proprio secondario sulla helicopter money (il denaro distribuito direttamente alle persone da una banca centrale). [Continua a leggere su italiaoggi.it, sito di Milano Finanza]
La sovranità monetaria è un diritto di tutti i cittadini.
Di Fabio Conditi
sapereeundovere.com
Una frase-bomba del capo economista Bce, tagliata da Repubblica, assegnava il signoraggio monetario ai cittadini invece che allo Stato di Tino Oldani Il sito della Banca centrale europea ded
*******************
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/consigliere-ratzinger-attacca-vi-spiego-ricatto-islamista-1242935.html

**********************
Petizione sull’educazione affettiva e sessuale nelle scuole. ProVita Onlus, l’Associazione Italiana Genitori (AGe), l’Associazioni Genitori delle Scuole Cattoliche (AGeSC), il Movimento per la Vita e Giuristi per la Vita, presentano questa petizione propositiva al Ministro dell’Istruzione, nonché al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio, affinché i nostri figli possano trovare nella scuola, non ideologie destabilizzanti come l’ideologia gender, ma progetti, corsi e strategie educative che permettano uno sviluppo sano della loro personalità, in armonia con la famiglia e con le istanze etiche, rispettosi di tutti ed in primis della natura umana. Hanno finora aderito alla petizione anche le seguenti realtà: La Nuova Bussola Quotidiana, Tempi, il Timone, Voglio la Mamma, la Fondazione Novae Terrae, Vita E’,  NonSitoccalaFamiglia, il Comitato Articolo 26, il Consiglio Regionale dell’UCIIM Calabria, la Manif pour Tous Italia, Aleteja, il Coordinamento Famiglie Trentine, Cristiani per la nazione, il Centro Italiano Femminile, il Movimento P.E.R., l’Associazione Nazionale Famiglie Numerose, Cultura Cattolica, Libertà e persona, Nuovi Orizzonti, La Quercia Millenaria, il MEVD, l’AMCI, Alleanza Evangelica, l’Associazione CIF Regione Molise, SOS Ragazzi, l’AIGOC, il Consultorio UCIPEM “LaFamiglia”, AIPPC, Vita Nuova Trieste, Osservatorio Cardinale Van Thuân, Scienza e Vita, APPM, UCCR, UCFI, Archè e Agere Contra.
  Sempre più diffusa è la consapevolezza che ci troviamo di fronte ad una vera e propria emergenza educativa, in particolare per quanto riguarda le tematiche dell’affettività e della sessualità. Molti hanno già reagito contro la subdola introduzione della teoria del gender nelle scuole di ogni ordine e grado (fin dagli asili nido). Tuttavia, anche quando non si arriva a questo punto, in molti casi l’educazione sessuale è priva di riferimenti morali, discrimina la famiglia, e mira ad una sessualizzazione precoce dei ragazzi.
Attualmente i progetti educativi in questo ambito vengono spesso presentati richiamando l’esigenza di “lottare contro la discriminazione“. L’intento in sé potrebbe essere lodevole se ciò significasse educare gli studenti a rispettare ogni persona e a non rendere nessuno, a causa delle proprie condizioni personali (disabilità, obesità, razza, religione, tendenze affettive, ecc.), oggetto di bullismo, violenze, insulti e discriminazioni ingiuste. In realtà il concetto generico di “non discriminazione” nasconde molto spesso: la negazione della naturale differenza sessuale e la sua riduzione ad un fenomeno culturale che si presume obsoleto; la libertà di identificarsi in qualsiasi “genere” indipendentemente dal proprio sesso biologico; l’equiparazione di ogni forma di unione e di “famiglia”; la giustificazione e normalizzazione di quasi ogni comportamento sessuale. Tutto ciò, anche in altri paesi dove simili strategie educative sono da tempo applicate, come in Inghilterra e Australia, ha già causato una sessualizzazione precoce della gioventù che ha portato ad un aumento degli abusi sessuali (anche tra giovani), alla dipendenza dalla pornografia, all’attività sessuale prematura con connesso aumento di gravidanze e aborti già nella prima adolescenza, e all’aumento della pedofilia.
Firma anche tu http://www.notizieprovita.it/petizione-sulleducazione-affettiva-e-sessuale-nelle-scuole/
Inoltre i suddetti progetti educativi, e persino la “strategia nazionale” dell’UNAR, vengono sovente redatti con la collaborazione esclusiva di associazioni LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali) senza l’adeguato coinvolgimento di associazioni ed enti rappresentativi dei genitori, e quindi, sia per le modalità che per i contenuti, sono elaborati e diffusi in violazione dell’art. 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo (“I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli”); dell’art. 2 del Protocollo addizionale alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo (“Lo Stato … deve rispettare il diritto dei genitori di provvedere a tale educazione e a tale insegnamento secondo le loro convinzioni religiose e filosofiche”); dell’art. 30 della Costituzione italiana (“E’ dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio”);  e dell’art. 14 della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza dell’UNICEF (“Gli Stati parte rispettano il diritto e il dovere dei genitori oppure, se del caso, dei tutori legali, di guidare il fanciullo nell’esercizio della libertà di pensiero, di coscienza e di religione”).
Firma anche tu
Per questi motivi con la presente petizione chiediamo al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, non solo, come già chiesto sia dalla nostra che da altre associazioni, di disapplicare la “Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere” e di impedire la diffusione di ogni progetto educativo che ad essa si ispiri, ma soprattutto di emanare precise direttive affinché tutti i progetti, corsi, strategie educative, si conformino ad alcune linee guida, prevedendo, in particolare:
    Che venga rispettato il ruolo della famiglia nell’educazione all’affettività e alla sessualità, riconoscendo il suo diritto prioritario ai sensi dell’art. 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e dei decreti che riconoscono le scelte educative dei genitori (artt. 1.2, 3.3 e 4.1 del DPR 275/99, art. 3 del DPR 235/97, artt. 2.3, 2.6 e 3 del DPR235/2007 e il Prot. AOODGOS n. 3214 del 22.11.2012). Ogni “strategia” educativa, specie se di rilievo nazionale, dovrebbe rispettare sia nelle sue modalità di elaborazione e diffusione (coinvolgendo prevalentemente enti rappresentativi dei genitori e delle famiglie) che nei contenuti, questo diritto fondamentale. Similmente, i progetti sull’affettività e la sessualità da attuare nelle scuole dovrebbero coinvolgere le famiglie nell’opera di educazione e rendere i propri contenuti trasparenti ad esse, evitando il contrasto con le “convinzioni religiose e filosofiche” dei genitori. L’azione educativa della scuola in questo ambito deve essere informata a due principi: il principio di sussidiarietà (il diritto-dovere dei genitori di educare è insostituibile e va sostenuto dallo Stato) e il principio di subordinazione (l’intervento della scuola deve essere soggetto al controllo da parte dei genitori).
    Che sia oggetto di spiegazione e di studio la ragione per la quale la nostra Costituzione, all’art.29, privilegi la “famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”, della quale “riconosce” gli speciali diritti, diversamente da ogni altro tipo di unione.
    Che si educhi a riconoscere il valore e la bellezza della differenza sessuale e della complementarietà biologica, funzionale, psicologica e sociale che ne consegue. In questo modo gli studenti impareranno anche che la madre e il padre, nella famiglia, ancor più che nel mondo del lavoro o in altri contesti, apportano la loro propria ed insostituibile ricchezza specifica.
    Che si educhi al rispetto del corpo altrui ed al rispetto dei tempi della propria maturazione sessuale ed affettiva. Questo implica che si tenga conto delle specificità neurofisiologiche e psicologiche dei ragazzi e delle ragazze in modo da accompagnarli nella loro crescita in maniera sana e responsabile, prevedendo corsi di educazione all’affettività e alla sessualità, concordati con i genitori.
    Che si porti a riconoscere che l’attività sessuale non si riduce alla dimensione del piacere, ma che comporta delle conseguenze gravi e dei doveri importanti.  A questo proposito si potranno mostrare utilmente i risultati delle indagini sociologiche secondo le quali ritardare l’attività sessuale e ridurre il numero di partner aumenta le possibilità di intrattenere relazioni stabili nel futuro e riduce i problemi psicologici (come la depressione), specialmente nelle ragazze.
Firma subito anche tu la petizione, e unisci la tua voce a quella delle associazioni ProVita Onlus, AGe, AGeSC e Giuristi per la Vita, affinché il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio dei Ministri e il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca accolgano la nostra proposta educativa e garantiscano che nelle scuole i nostri figli possano trovare, non ideologie pericolose, ma la via verso uno sviluppo sano della loro personalità, in armonia con la famiglia e con le istanze etiche.
===============
in realtà con sharia, vogliono disintegrare i cristiani che sono i poveri più poveri! ] [ Governo Pakistan, '60 milioni di poveri'. Incremento è risultato di nuovo criterio adottato da ministero
==================
PRESERVIAMO LA NOSTRA ITALIANITÀ ] [ Vitruviano da Vinci: L'IMMIGRAZIONE E' UN CRIMINE CONTRO LE DIFFERENZE
L’immigrazione è un altro nome per genocidio. Non è necessario uccidere materialmente degli individui, per spazzare via un popolo dalla faccia della terra: basta meticciarlo. Basti pensare all’immigrazione spagnola e portoghese nelle Americhe durante la conquista. Bastano le testimonianze storiche e i rilievi archeologici a raccontare l’annientamento culturale delle popolazioni del Nuovo Mondo. Ma questo è solo un effetto della scomparsa ‘etnica’ ... Identità.com http://identità.com/#/blog/2016/04/04/limmigrazione-e-un-crimine-contro-le-differenze/ 
==================

POLIGAMIA PEDOFILIA E BESTIALISMO RICONOSCIUTI PER LEGGE ] [ Gil De Gamesh:
** 08/04/2016 ** BASTA HA RAGIONE RANDOM... NON ESISTE IL GENDER **
ma.... «Poliamorosi», in Spagna chiedono diritti: ora come la mettiamo?
Love is love, giusto?
Bene, allora adesso si tirino fuori le ragioni per cui NON si dovrebbe sposare la causa di Polyamory Madrid, associazione spagnola impegnata nella diffusione e nella richiesta di riconoscimento del POLIAMORE e che – a quanto pare – sarebbe pronta a sfilare in piazza «per rivendicare gli STESSI DIRITTI delle famiglie... Poliamorosi, in Spagna chiedono diritti: ora come la mettiamo?
Love is love, giusto? Bene, allora adesso si tirino fuori le ragioni per cui non si dovrebbe sposare la causa di Polyamory Madrid,  http://giulianoguzzo.com/2016/04/07/poliamorosi-in-spagna-chiedono-diritti-ora-come-la-mettiamo/
===============
PTV news 8 aprile 2016 - Yemen, la lunga strage nascosta Pubblicato il 08 apr 2016
- Siria: l’opposizione e ”moderata” ha usato armi chimiche
- Ora l’Olanda ci riprova entro il TTIP
- Tunisia: la marea nera di cui nessuno ha parlato https://youtu.be/NPkR0J6NX5I
=================
DIEGO FUSARO: Il gruppo Bilderberg, ecco chi governa il mondo https://youtu.be/v-dvrWqkM2E

===========

PTV speciale - È GUERRA APERTA? https://youtu.be/tRpudhnUky4
PandoraTV. Gli americani hanno il potere che gli concediamo, se solo tutti cominciassero a ignorarli uscendo dalla NATO, togliendo le sanzioni contro la Russia e a tutti gli altri paesi che non meritano sanzioni, e rifiutando di partecipare alle loro guerre.
PandoraTV Prendere coscienza del fatto di essere un vassallo o colonia USA senza voce è un passo avanti, ma è solo uno
======================
Carmine Pecorelli (UN MASSONE RIBELLE), ucciso per AVER PUBBLICATO I NOMI DEI MASSONI: "LISTA PECORELLI"! meglio conosciuto come Mino Pecorelli, è stato un giornalista, avvocato e scrittore italiano, che nell'ambito del giornalismo si occupò d'indagine politica e sociale. Carmine Pecorelli, meglio conosciuto come Mino Pecorelli (Sessano del Molise, 14 giugno 1928 – Roma, 20 marzo 1979), è stato un giornalista, avvocato e scrittore italiano, che nell'ambito del giornalismo si occupò d'indagine politica e sociale. Fondatore dell'agenzia di stampa «OP-Osservatore Politico» («OP») che divenne poi anche una rivista, venne assassinato a Roma in circostanze ancora oggi non del tutto chiarite.  Altri rimarcabili scandali regolarmente pubblicati su OP furono quello dell'Italpetroli e sulla presenza di una loggia massonica in Vaticano (scoop pubblicato all'indomani dell'elezione di Albino Luciani al soglio pontificio). L'agguato e l'omicidio di Mino Pecorelli. La sera del 20 marzo 1979 Mino Pecorelli fu assassinato da un sicario che gli esplose quattro colpi di pistola in via Orazio a Roma, poco lontano dalla redazione del giornale. I proiettili, calibro 7,65, trovati nel suo corpo sono molto particolari, della marca Gevelot, assai rari sul mercato (anche su quello clandestino), ma dello stesso tipo di quelli che sarebbero poi stati trovati nell'arsenale della banda della Magliana, La morte del giornalista segnò anche la fine di OP: l'agenzia prima e la rivista poi erano alimentate esclusivamente dalle notizie che Pecorelli raccoglieva in prima persona dalle sue fonti, allocate nel mondo politico, nella loggia P2 (cui risultò affiliato egli stesso) ed all'interno dell'Arma dei Carabinieri e dei servizi segreti italiani.[10] Dopo l'omicidio di Aldo Moro, Pecorelli aveva pubblicato sulla sua rivista, nel frattempo divenuta settimanale, alcuni documenti inediti sul sequestro, come tre lettere inviate alla famiglia. La ricerca lo aveva portato a scoprire alcune verità scottanti, tanto che profetizzò anche il suo stesso assassinio.
=======================

LUIGI VILLA: "LA MASSONERIA E LA CHIESA CATTOLICA"
La Chiesa Cattolica distrutta dalle direttive dei massoni, purtroppo.
teofilo9200
teofilo9200  https://youtu.be/WySJV41pkwM
==================
giubra63: ABORTO un crimine contro l'umanità, per creare denatalità negli Stati europei e occidentali!
Donna: l'utero é tuo, ma il bambino no! (e vale anche per i futuri padri). Da tollerare solo in caso di pericolo per la madre, ed eventualmente in caso di stupro se mette in pericolo la salute psichca della futura mamma. L'aborto é un crimine, da chiudere tutti i centri, e arrestare medici e donne che lo praticano.
#aborto #crimini #genocidio #business    #crimine   #aborti 
https://plus.google.com/111270859164215141850/posts/chkyt2aqL5U
================
   
Gil De Gamesh:
** 08/04/2016 ** Sai riconoscere le (principali) bufale dell’ideologia gender? **

https://ontologismi.wordpress.com/2015/11/29/sai-riconoscere-le-principali-bufale-dellideologia-gender/
==============

El Estado Islámico publicó un edicto prohibiendo a los últimos cristianos y armenios de Raqqa, en Siria, abandonar la ciudad bajo ninguna circunstancia, según informó este martes RBSS.

RBSS son las siglas de Raqqa Is Being Silently Slaughered (“Raqqa Está Siendo Sacrificada en Silencio”). Está formado –según explica Breitbart News– por un grupo de periodistas que mantienen un canal de Twitter para informar de la ocupación de la ciudad convertida en la capital del Califato. Aunque es casi imposible contrastar sus informaciones, por la falta de periodistas occidentales establecidos en la ciudad, es uno de los escasos hilos de comunicación para conocer el día a día de Raqqa. Suelen aportar datos precisos –a veces, también documentos– de las noticias que dan, y son una fuente de noticias con casi 60.000 seguidores, a la que prestan atención los medios occidentales de referencia que cubren la guerra en Siria.

Con la prohibición de abandonar la ciudad –apunta RBSS–, el Estado Islámico estaría pensando en utilizar a las familias cristianas y armenias como escudos humanos o rehenes ante el avance del ejército sirio. Después de la recuperación de Palmira en los últimos días por las fuerzas de Al-Assad, con el apoyo de Rusia, Raqqa es el siguiente bastión del Estado Islámico en la ofensiva sirio-rusa. La ciudad sufre ataques aéreos diarios, también por parte de la coalición occidental encabezada por Estados Unidos.

En Raqqa quedan 43 familias cristianas, con dos o tres hijos por familia –siempre, según la misma fuente. Se trata de familias demasiado pobres que no han podido abandonar la provincia tomada por el Estado Islámico desde marzo de 2013. Llegó a haber miles de cristianos en la ciudad antes de la instauración del terror. Los cristianos han estado en Siria desde hace dos mil años. A principios del siglo XX, llegaron a ser casi un tercio de la población del país, según recoge esta información de BBC. Más recientemente, justo antes de la guerra, los cristianos representaban el 10 por ciento de la población siria de 22 millones de personas.

El Estado Islámico dio a elegir a los cristianos que se quedaron entre convertirse al Islam, pagar la Jizea, un impuesto solo para los “infieles”, o ser ejecutados. La mayoría de los cristianos que siguen en Raqqa trabaja en lo que queda del área industrial de la ciudad, o mantiene pequeñas tiendas. Miles de cristianos están siendo torturados, crucificados o decapitados por el Estado Islámico en Siria.

The Independent cita a un periodista de RBSS que remarca la prohibición de la Pascua y de todas las tradiciones cristianas en los territorios del Califato.

El genocidio que el presidente Obama reconoció a regañadientes tiene lugar aquí, hoy. La inmovilización es la solución final del Estado Islámico para las familias cristianas y armenias de Raqqa, convertidas en escudos humanos bajo el fuego de la ofensiva sirio-rusa y occidental. Para ellas, la liberación de la ciudad es solo otro peligro más.

[Con información de RBSS, Breitbart News, The Independent, BBC, Daily Express, en inglés]
==================
avanzare dell'ideologia gender nelle scuole, i progetti di legge contro la famiglia naturale, il crescente clima di laicismo e intolleranza (che ha recentemente vietato presepi e canti di Natale negli istituti scolastici), i numerosi casi di persecuzione religiosa subita da cristiani in molte parti del mondo.
mary cryss:
Così si fa...cominciamo a dire la nostra a proposito di famiglia !!!!!!
http://agensir.it/italia/2016/03/29/affaticati-ma-felici-la-famiglia-vincente-e-quella-in-cui-non-si-da-mai-nulla-per-scontato-istruzioni-per-luso/
Affaticati ma felici. La famiglia “vincente” è quella in cui non si dà mai nulla per scontato | AgenSIR
E’ complicata, richiede inesorabile coraggio e a volte sembra esaurire ogni residuo di energia ma ne vale assolutamente la pena. Il punto è sceglie...
======================

Pakistan: un paese "libero da infedeli”

Sintesi: attentato al parco giochi, almeno 72 vittime, la maggior parte cristiani. Secondo una rivendicazione, un attacco deliberatamente contro la comunità cristiana in Pakistan. Altre manifestazioni di islamisti rendono ancor più tesa la situazione per i credenti.

Nel momento in cui scriviamo è presto per capire quante vittime dell'attentato al parco giochi Iqbal (Lahore, Pakistan) fossero cristiane, quel che appare certo è l'intento di colpire ancora la comunità cristiana pakistana seminando il terrore in tutti i credenti del paese. Almeno 72 vittime, anche bambini, oltre 300 feriti. "Quando il tempo è buono, la sera di Pasqua si esce e si va nei parchi a far giocare i bambini. Dopo una giornata in cui ogni culto e servizio di chiesa erano terminati senza problemi, quando tutti pensavano di potersi rilassare e non preoccupare più, il kamikaze si è fatto esplodere all'Iqdal Park… ho così tanti bei ricordi di quel posto di quando ci andavo da bambina…”, ci racconta una nostra collaboratrice.

L'attentato è stato rivendicato dal gruppo Jamatul Ahrar, nato dal gruppo talebano pachistano Tehrik e Taleban Pakistan e, a quanto pare, affiliato o vicino all'ISIS, il cui portavoce ha fatto sapere che l'obiettivo erano proprio i cristiani. "Siamo sopraffatti da storie di dolore. Chiediamo preghiere affinché durante le nostre visite a casa e all'ospedale possiamo portare il messaggio ristoratore del Vangelo e della resurrezione di Cristo”, continua la nostra collaboratrice, ricordando che in Pakistan è drammaticamente periodico tutto questo dolore. Il Pakistan è salito al 6° posto della nostra WWList, con un elevato grado di violenze contro i cristiani, dovuto a questi attacchi ma anche e soprattutto alle quotidiane vessazioni che subiscono i nostri fratelli e sorelle là.

Al contempo ad Islamabad andava in scena una manifestazione di islamisti sostenitori di Qadri (l'uomo che assassinò il governatore Taseer, giustiziato dalle autorità e considerato dai radicali islamici un martire (leggi QUI), durante la quale non sono mancati cori del tipo: "Impiccate Asia Bibi”. Asia Bibi, cristiana cattolica, è una delle tante vittime della famigerata legge anti-blasfemia. In molti ci chiedete informazioni: come sapete, Porte Aperte non segue direttamente questo caso. Nel 2009, alcune donne musulmane cercarono di cacciarla da un pozzo perché, in quanto non-musulmana, avrebbe inquinato l'acqua. Ne nacque una discussione, durante la quale chi l'accusa sostiene che avrebbe oltraggiato il nome del profeta Maometto, insinuazione usata (in accoppiata con la legge anti-blasfemia) per opprimere le minoranze (cristiane e non). Asia Bibi è stata poi condannata a morte. A fine estate, la Corte Suprema le ha permesso di fare appello. In effetti, questo significa che la sua condanna a morte è stata temporaneamente sospesa fino a quando la Corte Suprema emetterà la sentenza del suo processo d'appello (può richiedere anni il riesame). Intanto è in carcere, in isolamento, poiché potenzialmente bersaglio di attentati.

Il Pakistan ribolle. La tensione sociale, alimentata dai movimenti estremisti, cresce, come cresce il numero di radicali disposti a tutto per mantenere questo paese "libero da infedeli”. L'attentato dimostra ancora una volta che essere cristiano in Pakistan costa molto caro. Preghiamo per i cristiani in questo paese.
===============
Palestinian Police Arrest Archbishop of Syrian Orthodox Church. Apr 7, 2016. Operating on unspecified allegations of “civil charges,” Palestinian police arrested the spiritual leader of the Syrian Orthodox Church in a move that appears to be the continued persecution of Christians by the Palestinian Authority.
Palestinian police in Bethlehem arrested on Saturday Archbishop Sewerios Malki Murad, the spiritual leader of the Syrian Orthodox Church in Palestine and Jordan, Palestinian security sources said.
The Palestinian Ma’an news agency reported Sunday that Shamiran Ketlo, an eyewitness to the arrest and a Christian herself, said she saw Palestinian police obstructing a parade celebrating Murad’s visit to Bethlehem on the main road to the Church of the Nativity, before taking him into custody.
Murad was returning from a Syrian heritage celebration held at the Bethlehem Convention Palace in al-Khader south of Bethlehem, Ma’an reported.
Palestinian police spokesperson Luay Irzeikat said the Syrian archbishop was arrested over unspecified “civil charges” following a decision by the general prosecution.
Ketlo told Ma’an that members of the Syrian Orthodox Church appealed to Palestinian Authority (PA) head Mahmoud Abbas to release Murad, who is based in Jerusalem’s Old City.
“Followers of the Syrian Orthodox Church have threatened to leave Palestine and seek refuge in any other country if archbishop Murad is not released,” Ketlo said. Imprisonment of a spiritual leader like Murad leaves Syrian Christians in Palestine feeling unprotected, she added.
A shrinking community of approximately 5,000 Syrian Christians resides in the PA, the descendants of Aramaic-speaking families who fled Ottoman massacres across south-eastern Turkey during the beginning of the 20th century. In Bethlehem, Syrians are a prominent part of social life. However, since Israel left these areas to Palestinian control, there has been a rapid decline in the Christian population’s size, due to religious persecution and discrimination by the Palestinians.
By: United with Israel Staff
La polizia palestinese Arresto Arcivescovo di Chiesa siro-ortodossa. 7 aprile, 2016. Operando su accuse non specificate di "parte civile", la polizia palestinese ha arrestato il leader spirituale della Chiesa ortodossa siriana in una mossa che sembra essere la continua persecuzione dei cristiani da parte dell'Autorità palestinese.
polizia palestinese di Betlemme ha arrestato il Sabato Arcivescovo Sewerios Malki Murad, leader spirituale della Chiesa siro-ortodossa in Palestina e Giordania, fonti della sicurezza palestinese.
L'agenzia di stampa Ma'an palestinese ha riferito Domenica che Shamiran Ketlo, un testimone oculare all'arresto e un cristiano se stessa, ha detto che ha visto la polizia palestinese ostacolare una parata per celebrare la visita di Murad a Betlemme sulla strada principale alla Chiesa della Natività, prima di portarlo in custodia.
Murad era di ritorno da una festa patrimonio siriano terrà presso il Convention Betlemme Palazzo di al-Khader sud di Betlemme, Ma'an ha riferito.
portavoce della polizia palestinese Luay Irzeikat ha detto l'arcivescovo siriano è stato arrestato più di non meglio specificati "parte civile" a seguito di una decisione da parte della procura generale.
Ketlo detto Ma'an che i membri della Chiesa ortodossa siriana appello al dell'Autorità Palestinese (PA) testa Mahmoud Abbas a liberare Murad, che ha sede nella Città Vecchia di Gerusalemme.
"I seguaci della Chiesa ortodossa siriana hanno minacciato di lasciare la Palestina e cercare rifugio in qualsiasi altro paese se arcivescovo Murad non viene rilasciato", ha detto Ketlo. L'imprigionamento di un leader spirituale come Murad lascia siriani cristiani in Palestina sentirsi protetti, ha aggiunto.
Una comunità contrazione di circa 5.000 siriani cristiani risiede nella PA, i discendenti di famiglie di lingua aramaica che sono fuggiti massacri ottomani in tutta sud-est della Turchia durante l'inizio del 20 ° secolo. A Betlemme, siriani sono una parte importante della vita sociale. Tuttavia, dal momento che Israele ha lasciato queste zone per il controllo palestinese, vi è stato un rapido declino in termini di dimensioni della popolazione cristiana, a causa della persecuzione religiosa e discriminazione da parte dei palestinesi.
Di: Uniti con Israele Staff
===================
Maternità surrogata: le fattorie umane dell’India
La non....Condivisione tra paesi ricchi e paesi poveri purtroppo......porta anche a questo...
In conclusione, non può, dunque, non venire alla mente il prezioso insegnamento, razionale e kantiano, di Benedetto XVI: «Se al progresso tecnico non corrisponde un progresso nella formazione etica dell’uomo, nella crescita dell’uomo interiore, allora esso non è un progresso, ma una minaccia per l’uomo e per il mondo».
https://plus.google.com/106687390527706830615/posts/9xzY4EyGyRd
Maternità surrogata: le fattorie umane dell’India
Ecco le “surrogacy houses” in cui si dispongono “in batteria” le donne che conducono la gravidanza in surrogazione e che vengono sfamate e accudite...
=================
Netanyahu Urges United Fight Against Islamic Terror and Palestinian Incitement. Iran’s “unrelenting aggression” and deep commitment to genocide is the most serious threat facing Israel, Netanyahu told the AIPAC conference. He also demonstrated the profound incitement to terror within the Palestinian Authority.
Addressing the annual policy conference of the bi-partisan American Israel Public Affairs Committee (AIPAC) in Washington via satellite feed, Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu expressed appreciation to both Republican and Democratic presidential candidates who recognized the importance of the strong Israel-US alliance.
Netanyahu began his talk on Tuesday by expressing condolences to the families of the victims of the Islamic terror attacks in Belgium that morning, in which at least 34 people were killed and scores wounded.
“The chain of attacks from Paris to San Bernardino to Istanbul to the Ivory Coast and now to Brussels, and the daily attacks in Israel – this is one continuous assault on all of us,” he stated.
“In all these cases the terrorists have no resolvable grievances. It’s not as if we could offer them Brussels, or Istanbul, or California, or even the West Bank [Judea and Samaria]. That won’t satisfy their grievances.”
“Because what they seek is our utter destruction and their total domination. Their basic demand is that we should simply disappear. Well, my friends, that’s not going to happen. The only way to defeat these terrorists is to join together and fight them together.” "Aggressione inesorabile" dell'Iran e l'impegno profondo per il genocidio è la minaccia più grave per Israele, Netanyahu ha detto alla conferenza AIPAC. Egli ha anche dimostrato la profonda incitamento al terrore all'interno dell'Autorità Palestinese.
Rivolgendosi alla conferenza politica annuale del comitato di bi-partisan American Israel Public Affairs (AIPAC) a Washington tramite feed satellitare, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha espresso apprezzamento per entrambi i candidati presidenziali repubblicani e democratici che hanno riconosciuto l'importanza della forte alleanza tra Israele e Stati Uniti.
Netanyahu ha iniziato il suo discorso il Martedì esprimendo condoglianze alle famiglie delle vittime degli attacchi terroristici islamici in Belgio quella mattina, in cui almeno 34 persone sono state uccise e decine di feriti.
"La catena di attacchi da Parigi a San Bernardino a Istanbul per la Costa d'Avorio e ora a Bruxelles, e gli attacchi quotidiani in Israele - questa è una aggressione continua su tutti noi", ha affermato.
"In tutti questi casi i terroristi non hanno lamentele risolvibili. Non è come se si potesse offrire loro di Bruxelles, o di Istanbul, o in California, o anche in Cisgiordania [Giudea e Samaria]. Che non in grado di soddisfare le loro rimostranze. "
"Perché quello che cercano è la nostra totale distruzione e il loro dominio totale. La loro richiesta di base è che dovremmo semplicemente scomparire. Beh, i miei amici, che non sta per accadere. L'unico modo per sconfiggere questi terroristi è quello di unirsi e combattere insieme. "
==================
Siria, jet russi fermano attacchi di al-Nusra contro le forze curde ] [ tutti i Curdi che Hollande e Cameron vogliono far sterminare da Erdogan!

MY ISRAEL ] [ quando cerco di cancellare gli articoli doppi che ho messo nei miei blog, me lo impediscono in blogger, per rallentare la mia uscita da internet, così sono costretto a ridigitarli ad uno ad uno e perdo più tempo!


MI PIACE MOLTO questa IDEA DI FARE UN PONTE TRA EGITTO E ARABIA SAUDITA, io pensavo di costruirlo per ISRAELE, e per potenziare la economia della Giordania, più in territorio giordano, ma quello che, io temo è che la realizzazione di questo ponte possa distruggere le ruote di bronzo, dei carri da guerra dell'esercito del faraone, che inseguiva gli ebrei, e che giacciono, su un ponte naturale, ancora in fila indiana in fondo al mare, perché quello è certamente il fondale più basso e più agevole da utilizzare! QUINDI PER NON DANNEGGIARE LA ARCHEOLOGIA, E IL MIRACOLO DI DIO, DOVREBBERO FARE DUE MUSEI CON QUESTE RUOTE AI DUE LATI DEL PONTE!


poiché, è legale il terrorismo sharia LEGA ARABA, contro il resto del MONDO, poi, non potrebbe mai essere illegale la occupazione: il genocidio e la deportazione, perché la sharia è già tutto questo! MA, ISRAELE SA CHE IL TEMPO È UN GALANTUOMO, PER DEGLI IGNORANTI CHE NON HANNO STUDIATO BENE LA STORIA! ] dicono: [ Israele continua l’occupazione illegale dei territori palestinesi
Unius kingREI
Unius kingREI13 ore fa
#SALMAN #SHARIA ] tu e tuoi alleati: SpA Talmud Satanisti Farisei Massoni, voi avete fatto del male ai musulmani, perché tu non troverai 10 cristiani, che siano andati a fare del male a dei musulmani, che, non è stato per difendere la loro vita: infatti tu minacci tutti i cristiani del mondo: con la tua internazionale islamica, ed infatti non esiste una internazionale cristiana!
Unius kingREI
Unius kingREI13 ore fa
#sharia #sALMAN Tu dimmi quante Chiese sei riuscito a bruciare in questi ultimi 30 anni!
Unius kingREI
Unius kingREI14 ore fa
È IL PREZZO DI SANGUE, CHE, LA LEGA ARABA DEVE PAGARE AL SUO DEMONIO ALLAH, PER CONTINUARE A DIRE: "LA CONQUISTA SHARIA DEL MONDO GALASSIA JIHADISTI, TERRORISTI CALIFFATO MONDIALE? È ANCHE CONTRO DI NOI!" ] Egitto, Daesh attacca militari in Sinai: 18 morti [ IN REALTÀ QUESTI CADAVERI INNOCENTI RENDONO BENE SUL PIANO GEOPOLITICO ISLAMICO! LA LEGA ARABA DEVE ESSERE ANNIENTATA AL PIÙ PRESTO!
Unius kingREI
Unius kingREI14 ore fa
NON C'È MATERIA CONTRATTUALE: " TUTTE LE CHIESE CRISTIANE, E TUTTE LE RELIGIONI, CHE NON SCOMUNICANO COLORO CHE BENEDICONO I MATRIMONI GAY, SONO AUTOMATICAMENTE SCOMUNICATE A LORO VOLTA: QUINDI APRIAMO L'ERA, DELLA APOSTASIA DALLA FEDE DELLE CHIESE CRISTIANE! ", BERLINO, 8 APR - A Berlino e nel Brandeburgo le coppie omosessuali potranno sposarsi, proprio come quelle etero, nella chiesa evangelica: la decisione, data quasi per scontata, è prevista per domani, quando il sinodo di Berlino-Brandeburgo e della slesiana Oberlausitz voteranno su questo tema. Fino ad ora, nella chiesa evangelica, le coppie omosessuali potevano ricevere una benedizione, mentre non era possibile una cerimonia religiosa equiparata al matrimonio evangelico, che comunque non è un sacramento come nella chiesa cattolica; il vincolo matrimoniale, nella chiesa protestante, può infatti essere sciolto. Berlino non è il primo Land ad affrontare questo passo. In Germania già in due regioni, Assia e Renania-Palatinato, la chiesa evangelica ha introdotto il rito matrimoniale per i gay.
Unius kingREI
Unius kingREI15 ore fa
ALLAH E MAOMETTO SONO DUE STUPRATORI PEDOFILI ] [ OGM Victory Seen SHARIA Ruling SALAFIS ISLAMISTS Kidnapped Girls


e se qualcuno può separare la sua PAROLA(il Figlio), dalla sua voce(il soffio vitale) poi, lui può dimostrare che Dio JHWH non è uno e trino.. e poiché, io non sono l'AGNELLO di Dio, poi, non ha importanza per me, quante persone, io farò mettere a morte, prima di potermi sedere, sul mio trono a GERUSALEMME come Re di ISRAELE!


e chi abbiamo NOI, al Governo delle NAZIONI (tranne qualche rara eccezione) sono tutti la feccia della feccia dell'inferno! ECCO COSA SIGNIFICA QUANDO SI DICE: "I FARISEI TALMUD ENLIGHTENED SPa Fed TUTTO HANNO FONDATO SU SATANA! ] POI, NESSUNO DOVREBBE CHIEDERE A MERKEL E MOGHERINI ED AI LORO PROTETTORI, PERCHÉ AL DONBASS NON SI È CONCESSA LA INDIPENDENZA, ED AL KOSOVO SI! [ Il nuovo presidente del Kosovo è Hashim Thaci detto 'la serpe'. 08.04.2016 Si è tenuto aggi a Pristina l'insediamento del quarto presidente del Kosovo, Hashim Thaci. Alla cerimonia hanno partecipato più di mille ospiti stranieri provenienti da 50 paesi, così come i diplomatici accreditati a Pristina dei paesi che hanno riconosciuto il Kosovo, che nel 2008 ha dichiarato unilateralmente l'indipendenza dalla Serbia. Hashim Thaci è soprannominato "Serpe", perché striscia fuori da ogni situazione. L'ex Procuratore del Tribunale penale internazionale per la ex-Jugoslavia, Carla del Ponte, nel suo libro "La caccia: Io e i criminali di guerra", ha scritto che Thaci è stato coinvolto nel traffico illegale di organi. Nel libro, in particolare, si afferma che nel 1999 circa 300 serbi e di altra nazionalità sono stati rapiti e portati nell'Albania settentrionale, dove sono stati rimossi i loro organi, che sono stati poi inviati alle cliniche in tutta Europa. Il politico svizzero Dick Marty nel 2010 ha presentato la relazione del Consiglio d'Europa su questo tema e Hashim Thaci ha promesso di fare causa, ma non è andato oltre le parole. Infine, nel rapporto del BND, recentemente pubblicato da "Wikileaks", Thaci appare come un trafficante di armi, di droga, di parti umane e membro del gruppo Drenitskoy, noto per i suoi crimini in Kosovo. Finora il Tribunale speciale per i crimini di guerra dell'organizzazione terroristica Esercito di liberazione del Kosovo a Pristina è stato creato solo sulla carta, tuttavia il presidente (che è ex primo ministro, ex vice primo ministro e capo del ministero degli Esteri) non sa se compariranno di fronte ad esso i fondatori del gruppo. Il giornalista Zivojin Rakocevic dell'enclave serba di Gracanica in Kosovo, in un'intervista a Sputnik ha affermato che "ora l'80% degli albanesi vogliono lasciare questo territorio che la NATO ha bombardato con proiettili all'uranio impoverito, e Thaci li finiva con le sue strutture criminali. Egli ha distrutto ogni possibilità di ritorno dei serbi nella regione, ha attaccato la Chiesa ortodossa serba. Egli controlla i radicali islamici, che possono irrompere sulla scena in qualsiasi momento. Ma il più grande risultato di Thaci è il fatto che sia diventato un legittimo, importante e supportato amico della comunità internazionale e delle forze occidentali". Beljulj Becaj, politologo albanese-kosovaro di Pristina in un'intervista a Sputnik ha osservato che "le persone ambigue diventato presidente a causa del sistema elettorale della 'prima persona' del tutto dannoso" (il presidente in Kosovo è eletto dal Parlamento). "Questo non è ciò di cui ha bisogno il Kosovo. Il Kosovo ha bisogno di un presidente che sia il portavoce di onestà, di moralità e di giustizia".: http://it.sputniknews.com/mondo/20160408/2436542/nuovo-presidente-kosovo.html#ixzz45FIVHBBY


PERCHÉ GESÙ DI BETLEMME HA RINUNCIATO, AL SUO TEMPO, a fare il RE POLITICO DI ISRAELE? INFATTI. attraverso le genealogie paterne, LUI ERA IL LEGITTIMO DISCENDENTE DI DAVIDE, ED ATTRAVERSO LA SPADA AVREBBE POTUTO ATTERRIRE CHIUNQUE! ma adesso è chiaro, a tutti adesso è chiaro: "lui voleva essere il RE, nel cuore di tutti gli uomini e di tutte le donne!" INFATTI, IL RE DI ISRAELE CHE IO SONO? NON POTREBBE MAI ESSERE IL SENSO e IL SIGNIFICATO, DI TUTTE LE COSE! anche se io mi farò amare da tutti come uomo, lui il Cristo ha deciso di farsi amare da tutti come DIO JHWH!


oltre ad ESSERE la "PAROLA" o il "VERBO" di JHWH (chi la vuole sentire? la sente, chi non la vuole sentire? non la sente! ok! questa è la democrazia) Gesù di Betlemme (casa del Re Davide) lui ha detto di se stesso, di essere la Roccia! E QUESTA È UNA AFFERMAZIONE MINACCIOSA: PERCHÉ, LA ROCCIA OLTRE AD ESSERE IL FONDAMENTO sicuro di UNA COSTRUZIONE ETERNA, DIVENTA anche, QUALCOSA CONTRO CUI TU TI PUOI SFRACELLARE, e qualcosa che ti può schiacciare! ecco perché, è scritto che: tutti i nemici di ISRAELE sono destinati a sfracellarsi: perché questa è una ROCCIA TROPPO PESANTE DA POTER ESSERE SPOSTATA!


in principio era il VERBO, tutto è stato fatto per mezzo di LUI, ed in vista di LUi, quindi il Verbo è il senso di tutte le cose ] [ ECCO PERCHÉ CHI HA CREDUTO È STATO SALVATO, E CHI NON HA CREDUTO È STATO CONDANNATO! ] anche perché se la tua vita non è costruita sulla roccia che è Cristo, poi, se, non ti frana tutto prima? certo ti franerà tutto al momento della morte! QUINDI MORIRAI STRITOLATO DA TUTTE LE MENZOGNE CHE HANNO COSTRUITO LA TUA VITA ERRONEA! è vero: "la luce brilla nelle tenebre, ma, le tenebre non la hanno accolta" perché le tenebre, e le opere delle tenebre sono cattive!


SIGNORI E SIGNORE ECCO A VOI I MAOMETTATI MALATI DI TESTA! Pakistani Christians in Thailand given temporary ID cards: April 6, 2016 https://www.worldwatchmonitor.org/ Last month, World Watch Monitor reported that there are about 11,500 Pakistanis seeking asylum in Thailand, a 51 per cent increase from the previous year; all are classified as Christians in a recent report to the UK Parliament. Many of ...
Pakistan Asylum Seekers Immigration Refugee Convention United Nations
Latest News https://www.worldwatchmonitor.org/
Turkey seizes six churches as state property in volatile southeast: April 6, 2016
    An army vehicle drives through the courtyard of the Sheikh Matar Mosque, past its famed Four-Footed Minaret (left), with the top of the bell tower of the Chaldean Mar Petyun church (in the extreme left background)

    After 10 months of urban conflict in Turkey’s war-torn southeast, the government has expropriated ...
    Priest's crucifixion rumours false, says India's Foreign Minister
    Published: April 4, 2016 by Anto Akkara
    Rev. Thomas Uzhunnalil in an undated photo: 4 AprilIndia’s government has said rumours that a kidnapped Catholic priest was crucified on ...
    Kenyans mourn 147 victims on anniversary of Garissa attack
    Published: April 4, 2016 (4 April) Memorial events were held in Kenya on Saturday (2 April), as Kenyans marked the ...
https://www.worldwatchmonitor.org/
    Egypt: Copt cleared of Facebook 'blasphemy'
    Published: April 4, 2016
    Kandhamal Christian granted month’s bail after 7 years in jail
    Published: April 1, 2016
    Faith-based persecution on the rise in Asia-Pacific
    Published: March 31, 2016
    Pakistani Christians bury their dead after Easter massacre
    Published: March 31, 2016
    CAR's new President brings hope, but hunger threatens 'new start'
    Published: March 30, 2016
    Malaysian court upholds right to convert from Islam
    Published: March 29, 2016


è necessario essere diretti!] [ 08.04.2016. Russia-Nato, Stoltenberg: Entro due settimane ci sarà incontro del Consiglio a livello ambasciatori.] SOLTANTO UNIUS REI POTREBBE CREARE UN NUOVO FONDO MONETARIO MONDIALE! ma, se non si vuole intronizzare Unius REI? è chiaro: poi Rothschild pretenderà la guerra mondiale: PER POTER REINTRODURRE UN NUOVO CICLO MONETARIO USUROCRATICO E PARASSITARIO DEVITALIZZATE: GLI SCHIAVI DEI MASSONI, quindi, bisogna dire chiaramente, che disintegrare la LEGA ARABA, dei maomettani nazisti e malati mentali, porterà al genere umano una sofferenza sostenibile, e assai meno pericolosa che disintegrare Russia e CINA!


SE QUELL'ASSASSINO DI CAMERON HA LA FACCIA DI CORNO DI UNA PROSTITUTA? POI, VEDRETE CHE NON SI DIMETTERÀ! ANCHE PERCHÉ SATANISTI E MASSONI HANNO MINORE DIGNITÀ DI UNA PROSTITUTA! 08.04.2016 Le prime ammissioni del primo ministro britannico, dopo una settimana di no comment alle domande sul coinvolgimento del padre nello scandalo Panama Papers. Il primo ministro britannico David Cameron ha ammesso di aver posseduto quote della Blairmore Investment Trust, dopo aver smentito per giorni ogni possibile coinvolgimento suo o di suoi familiari nello scandalo scoppiato una settimana fa con la pubblicazione dei documenti dello studio panamense Mossack Fonseca.


FARISEI TALMUD FMI SPA E ISLAMICI SHARIA CORANO, SI SONO TROVATI: al termine del loro itinerario, durante il loro interiore percorso di coscientizzazione, si sono ritrovati INSIEME A BUSH SULL'ALTARE DI SATANA, PERCHÉ È SATANA IL LORO FONDATORE! QUESTA STORIA DELLA GALASSIA JIHADISTA (è una congiura della LEGA ARABA) È UNA RISULTANTE DEL NWO SpA FED, PER PORTARE A SATANA TUTTE LE COSE! Daesh giustizia 175 operai rapiti. 08.04.2016 ( In precedenza è stato comunicato che i terroristi del Daesh avevano rapito almeno 300 operai della società Al Badia Cement nei pressi di Damasco ) ISLAM SHARIA NE RISPONDERÀ! ORMAI SAUDITI E AMERICANI SONO FARISEI E MASSONI SATANISTI: UNA SOLA FAMIGLIA DI SATANA!


SE LA POLIZIA NON COLLABORA È PERCHÉ È ERDOGAN, IL DITTATORE, CHE DEVE ESSERE ARRESTATO! ] [ 08.04.2016) La polizia turca si è rifiutata di indagare sull'uccisione del pilota Oleg Peshkov. Inoltre, gli investigatori sono d'accordo sul fatto che il crimine, per il quale la Russia accusa il militante Alparslan Celik, è stato commesso sul territorio siriano.Le relazioni tra la Russia e la Turchia sono entrate in crisi dopo il 24 novembre 2015, quando un caccia turco F-16 ha abbattuto un bombardiere russo Su-24 in Siria. Il presidente Vladimir Putin ha definito l'evento "una pugnalata alle spalle" dai complici dei terroristi e ha firmato un decreto sulle misure di sicurezza nazionale e misure economiche speciali contro la Turchia: http://it.sputniknews.com/mondo/20160408/2435538/turchia-indagini-rifiuto.html#ixzz45F4UKqgV


my ISRAEL ] QUINDI, sono stati Rothschild e SALMAN: con la forza del loro denaro: che: hanno detto alle Chiese di Satana: "voi avete diritto ad un vostro dominio!" QUINDI, È LA MASSONERIA CHE DOMINA IL MONDO, e non i Parlamenti costituzionali, che seguono la legge positiva!


MY ISRAEL ] il secondo browser di UBUNTU, funziona correttamente, è questo firefox che mi hanno bloccato su blogger, perché, io penso, necessita di maggiore memoria RAM, infatti, io ho articoli pesanti.. ORA, se hanno fatto le orgie, ed hanno adorato satana, con il mio firefox, senza il mio consenso? Questo non significa che è diventato il loro 666 dominio dei Salafiti Farisei nella CIA: i cannibali zombies!


my ISRAEL ]  ok! adesso i sauditi salafiti, devono spiegare a tutti i musulmani del mondo, perché, anche loro hanno deciso di diventare: i sacerdoti di Satana nella CIA!


ISRAELE ] tu mi dirai: "che se ne possono fare i satanisti della CIA, di entrare nel tuo computer?" [ ANSWER ] ci vengono ad adorare Satana nel mio computer, ovviamente! .. perché loro pensano che possa funzionare, ed invece? non funziona perché Satana è un frocio!


QUESTO È IL COMPLOTTO DI FARISEI E SALAFITI PER DISTRUGGERE ISRAELE EUROPA E RUSSIA! "Caro Signor Scarola, comprendo e condivido il Suo anelo per salvare il mondo, ma... Nel giorno del giudizio avrò l'assoluzione per insufficienza di prove a mio carico e siccome discendo da una famiglia di banchieri ebrei, profitto personalmente del sistema del signoraggio. Che Allah la protegga! www.forum-mirabella ] QUESTO È IL COMPLOTTO DI FARISEI E SALAFITI PER DISTRUGGERE ISRAELE EUROPA E RUSSIA!


ISRAELE ] hai visto? come li minaccio, poi, mi sbloccano! ora sono sbloccato, ma, non ha interagito l'aggiornamento di UBUNTU, è la mia denuncia che ha interagito! MI BLOCCANO QUESTI CRIMINALI DELLA CIA!


c'è una guerra terribile, nel mio computer (lenovo AMD E1 essential) tra UBUNTU e la CIA, si Utuntu mi installa aggiornamenti ogni giorno, ma, non è riuscito a sboccarmi, il blocco della memoria della RAM, anche perché, le lucertole, mi hanno reso invisibile una partizione di 100Gb.. quindi ieri io pensavo che la colpa era di blogger, ma, mi sbagliavo!
Mi hanno manomesso il computer portatile, che questa mattina ho trovato completamente scarico, perché, la CiA me lo ha acceso durante la notte!


Synnek1 said: "2nite WE [SLAY]...CUM with [US]! >;-)" #CINA #RUSSIA È NECESSARIO FARE REALIZZARE, DEI MISSILI "pesanti" interamente in plutonio, CHE POSSANO PERFORARE IL GRANITO PER 50 METRI PER POI ESPLODERE!


SYNNEK1 ha perso l'equilibrio mentale ed è quindi, stato licenziato come Direttore di youtube, eppure lui è il satanista più intelligente, educato e preparato del NWO, perché, questo è potuto avvenire? io ho fatto comprendere a lui una verità teologica e logica: al tempo stesso! POICHÉ, LA TUA INTELLIGENZA NON COMPRENDE L'UNIVERSO: nel suo scopo e nel suo insieme, POI, LA TUA INTELLIGENZA È IL TUO NEMICO PEGGIORE, PERCHÉ, LA TUA INTELLIGENZA, nel suo limite, TI CONDURRÀ A CERCARE DEI BENEFICI MATERIALI, IMMEDIATI, eppure, la vita è veramente un miracolo, dato che, noi non siamo in grado di: realizzare in laboratorio una sola cellula di un filo d'erba! Evoluzione e Big Ben, sono teorie senza conforto scientifico, ipotesi senza dimostrazione, QUINDI, FINGERE DI ESSERE ATEI, è vero: RISOLVE TANTI PROBLEMI, E RENDE LA VITA PIÙ SEMPLICE, MA, QUANDO IL GRATTACIELO DELLA TUA VITa, TI CROLLERÀ ADDOSSO, PERCHÉ, TU LO HAI EDIFICATO SULLA "SABBIA" del RELATIVISMO, invece di fondarlo sulla ROCCIA, che è Cristo? Poi, all'inferno ti rimarranno: un rimpianto infinito, e una disperazione infinità. ma, la DISTRUZIONE dello EQUILIBRIO MENTALE DI SYNNEK1, POTREBBE AVERLO SALVATO DALL'INFERNO!
Ovviamente, se tu puoi trovare un rabbino santo, o un prete santo, ( OPPURE UN MINISTRO SANTO DI OGNI ALTRA RELIGIONE ), che, può comprendere intellettivamente, quello che è il tuo satanismo: in tutta la sua estensione, e poi, lui ti perdona? POI, TU SARAI PERDONATO VERAMENTE ANCHE DA DIO! PERCHÉ È DIO CHE PERDONA, ma tu non puoi sapere di essere stato perdonato, se, la tua espiazione e la tua conversione non hanno subito un processo completo, nel più profondo del tuo cuore! NON TI SERVIRÀ A NIENTE CERCARE UN CARDINALE VESCOVO DI COGLIONE, CHE È UN TUO COMPLICE, E CHE LUI NON TI CAPISCE, CIOÈ, NON CAPISCE TUTTO IL MALE, CHE TU HAI POTUTO FARE!


che poi, a differenza di USA, la Russia non ha un interesse economico o ideologico nella realizzazione di una guerra! QUESTO DI USA È UN ENNESIMO: ATTO INFAMANTE: IO TROVO DICHIARAZIONI CONTINUE, CIRCA LA presunta: INFERIORITÀ MILITARE di: USA, NEI CONFRONTI DELLA RUSSIA


QUESTO DI USA È UN ENNESIMO: ATTO INFAMANTE: IO TROVO DICHIARAZIONI CONTINUE, CIRCA LA presunta: INFERIORITÀ MILITARE di: USA, NEI CONFRONTI DELLA RUSSIA, CHE, queste dichiarazioni HANNO SEMPLICEMENTE DEL RIDICOLO, SIA, SUL PIANO TECNOLOGICO, CHE NUMERICO! Gli USA come con la Seconda guerra mondiale, faranno delle provocazioni militari (da tenere segrete) perché, sia la Russia ( in questo caso ) ad apparire l'AGGRESSORE! 07.04.2016 Usa “tecnicamente surclassati” da Mosca per potenza di fuoco, Lo ha affermato il generale Mark Milley dello stato maggiore americano intervenendo davanti al comitato per le forze armate del Senato: http://it.sputniknews.com/archive/#ixzz45CjimKlF


#SALMAN #SHARIA #Saudi #ARABIA] Is TRUE, this is the truth: YOU ARE IN #NWO #666 #FED, #FMI: #Owl #Allah, you can KILL impunity, ALL THOSE THAT ARE NOT #SALAFITI, AND, I HAVE, only a COMPUTER of FEW EURO! [ 04/07/2016, BANGLADESH, Dhaka, student hacked to death for his ideas against, Islamic extremism, Nazimuddin Samad was 28 years old and studied Law at the Jagannath University. Friends describe him as a brave free thinker. He was part of the Ganajagaran Mancha movement, which defends the rights of bloggers. On his Facebook page, the student had criticized the Islamic drift in the country. Dhaka (AsiaNews) - Nazimuddin Samad, a 28 year-old law student was hacked to death and shot for his ideas contrary to Islamic radicalism. The murder took place around 8 pm last night at a busy intersection in the Sutrapur, a historical district of the capital of Bangladesh. The young man was returning home with friends after attending courses offered by Jagannath University, where he had been admitted a few months ago. Friends have reported that the student as a "courageous" free thinker who supported the formation of a secular country that respects human rights. He was also part of Ganajagaran Mancha, a movement for bloggers’ rights. Some witnesses reported that three assailants on motorcycles approached Nazimuddin near the intersection of Ekrampur and started to attack him with machetes. Then they fired a gunshot to his head, to make sure of his death. Witnesses also report that as they struck him, the attackers shouted "Allahu Akbar" (God is great). No one has yet claimed responsibility for the act, but the incident recalls the killing of four other bloggers, murdered for their "atheistic ideas". For some time, Muslim extremists have been targeting free thinkers and democracy activists, justifying their killing by calling their victims "atheists". Ahmed Rajib Haider was the first blogger to be killed for his “anti-Islam" ideas in 2013. So far this year, four other bloggers have lost their lives. In February Avijt Roy was murdered near the University Dhaka; in late March, also in the capital, Muslim fundamentalists hacked to death Oyasiqur Rahman; two months later, it was the turn of Ananta Bijoy Das, who was murdered in Sylhet; and finally, Niloy Chakrabarti was killed, execution style, in August in broad daylight, under the eyes of his mother and sister. On October 31, Faisal Dipan Arefin, a publisher with progressive ideas, was stabbed to death. Nazimuddin was the son of Shamshul Haque and he was born in Sylhet. He was an activist of the Ganajagaran Mancha group, which works for the defense of free thought in Bangladesh and calls for the punishment of war criminals from the struggle for liberation war of 1971. On his Facebook profile he wrote: "I do not belong to any religion". On the same platform, the day before his murder he had expressed his concern about the Islamist drift of the country and the government inaction.


#SALMAN #SHARIA #SAUDI #ARABIA ] È VERO, questa è la verità: TU SEI NEL #NWO #666 #FED, #FMI: Gufo #Allah, e tu puoi UCCIDERE IMPUNEMENTE, TUTTI QUELLI, CHE, NON SONO #SALAFITI, ED IO HO, soltanto, un COMPUTER del VALORE DI POCHI EURO! [ 03/11/2015 BANGLADESH ] Bangladesh, dura condanna della Chiesa cattolica per l’omicidio di intellettuali laici, Mons. Gervas Rozario denuncia l’assassinio dell’editore Dipan e il ferimento di un altro editore e tre blogger. Gli intellettuali sono presi di mira da fondamentalisti islamici per le loro idee democratiche. Dall’inizio del 2015 sono morti quattro blogger e molti sono fuggiti all’estero. Vescovo: “Se non siamo attenti, illuminati e sensibilizzati dai valori umani, non riusciremo a fermare l’aumento delle violenze”.

31/03/2015 BANGLADESH. Dhaka, un altro blogger ucciso a colpi di machete: criticava l’islam radicale, Md Oyasiqur Rahman Babu da tempo curava un sito di informazione contro le violazioni alle minoranze religiose in Bangladesh. Un commando di almeno tre persone lo ha ucciso per “punirlo” delle sue idee. La polizia conferma l’arresto di due assalitori.

06/12/2010 BANGLADESH, Dhaka, un ambulatorio delle "suore blu" per i poveri di qualsiasi religione. Le sorelle del Movimento contemplativo missionario di p. de Foucauld vanno negli slum in cerca di bisognosi e malati. Giovane mamma musulmana: “Grazie alle medicine, la fisioterapia e il loro amore, mia figlia sta migliorando”.

03/04/2013 BANGLADESH, Bangladesh, arrestati tre blogger: Hanno offeso l’islam. Gli attivisti rischiano fino a 10 anni di carcere e una multa di 10 milioni di taka (100mila euro). Proteste del movimento laico Shahbag: “È una violazione alla libertà di parola e un insulto per la democrazia”. Nel Paese non esiste (ancora) una legge sulla blasfemia.

12/05/2015 BANGLADESH, Bangladesh, assassinato un altro blogger “anti-islam”: è il terzo dal 2015. Quattro uomini hanno ucciso Ananta Bijoy Das con un machete. Era un attivista del Bangladesh Chhatra Union, movimento politico democratico, e scriveva sul blog Mukto Mona (“Libero pensiero”). Più volte ha criticato la deriva fondamentalista assunta dal Bangladesh negli ultimi due anni.


#SALMAN #SHARIA #SAUDI #ARABIA ] È VERO, questa è la verità: TU SEI NEL #NWO #666 #FED, #FMI: Gufo #Allah, e tu puoi UCCIDERE IMPUNEMENTE, TUTTI QUELLI, CHE, NON SONO #SALAFITI, ED IO HO, soltanto, un COMPUTER del VALORE DI POCHI EURO! [ 07/04/2016, BANGLADESH, Dhaka, studente ucciso a colpi di machete per le sue idee contro l’estremismo islamico. Nazimuddin Samad aveva 28 anni e studiava Giurisprudenza alla Jagannath University. Gli amici lo descrivono come un coraggioso libero pensatore. Faceva parte del movimento Ganajagaran Mancha, che difende i diritti dei blogger. Sulla sua pagina Facebook, lo studente aveva criticato la deriva islamica del Paese. Dhaka (AsiaNews) - Nazimuddin Samad, uno studente di Giurisprudenza di 28 anni, è stato ucciso a colpi di machete e pistola per le sue idee contrarie al radicalismo islamico. L’omicidio è avvenuto intorno alle 8 di ieri sera in un incrocio molto trafficato nell’area di Sutrapur, un quartiere storico della capitale del Bangladesh. Il ragazzo stava rincasando con degli amici dopo aver seguito i corsi alla Jagannath University, dove era stato ammesso da pochi mesi. Gli amici hanno riferito che lo studente era un libero pensatore “coraggioso” e sosteneva la formazione di un Paese laico e rispettoso dei diritti umani. Faceva anche parte del Ganajagaran Mancha, movimento per i diritti dei blogger. Alcuni testimoni hanno riferito che tre assalitori in motocicletta hanno avvicinato Nazimuddin presso l’incrocio di Ekrampur e hanno iniziato a colpirlo con dei machete. Poi gli hanno sparato un colpo di pistola alla testa, per assicurarsi della morte. I testimoni hanno anche raccontato che mentre lo colpivano, gli aggressori gridavano “Allahu Akbar” (Allah è grande). Nessuno ha ancora rivendicato la responsabilità del gesto, ma la dinamica dell’incidente ricorda le modalità con cui sono stati uccisi altri quattro blogger, assassinati per le loro idee “atee”. Da diverso tempo estremisti islamici prendono di mira liberi pensatori e attivisti democratici. Ahmed Rajib Haider è stato il primo blogger a essere ucciso nel 2013 per le sue idee “contrarie all’islam”. Dall’inizio del 2015, altri quattro blogger hanno perso la vita: a febbraio Avijt Roy è stato assassinato vicino all’Università di Dhaka; a fine marzo, nella capitale, fondamentalisti musulmani hanno ammazzato a colpi di machete Oyasiqur Rahman; due mesi più tardi è stato il turno di Ananta Bijoy Das, ucciso a Sylhet; l’ultimo, Niloy Chakrabarti, è stato giustiziato ad agosto in pieno giorno, sotto gli occhi della madre e della sorella. Il 31 ottobre Faisal Arefin Dipan, un editore dalle idee progressiste, è stato ucciso a coltellate.
Nazimuddin era il figlio di Shamshul Haque ed era nato nell’area di Sylhet. Era un attivista del gruppo Ganajagaran Mancha, che opera per la difesa del libero pensiero in Bangladesh e chiede la punizione per i criminali di guerra della lotta di Liberazione del 1971. Di recente, sul suo profilo Facebook aveva scritto: “Non appartengo a nessuna religione”. Sulla stessa piattaforma, il giorno prima del suo omicidio aveva espresso preoccupazione per la deriva islamista del Paese e l’inazione del governo.


ebrei e cristiani innocenti sono ritornati nel tormento, perché, i farisei SpA FED Fmi, i massoni Gender hanno pianificato di farli uccidere dagli islamici!  07/04/2016 - VATICANO. Per ebrei e cristiani “altro” è non solo il rifugiato, ma anche il perseguitato per la fede. La visione de L’Altro dal punto di vista sia ebraico sia cattolico è stata al centro della XXIII riunione del Comitato internazionale di collegamento cattolico-ebraico. Nel corso dell’incontro si è anche esaminato situazioni nelle quali cattolici ed ebrei “attualmente si trovano nella situazione di essere ‘altri’. L’antisemitismo nei discorsi e nei fatti è riapparso in Europa ed altrove, mentre la persecuzione di cristiani, in misura notevole nella maggior parte del Vicino Oriente ed in parte dell’Africa, ha raggiunto livelli che non si vedevano da tempo.


si! la strategia sharia dei satanisti massoni comunisti farisei gender darwin: le scimmie di sodoma! ] [ 07.04.2016 ] Opinioni: "Moriremo musulmani, santità?" A seguito delle recenti stragi in Francia e Belgio, nonché dell’espansione dell’Isis in Medio Oriente e in vari paesi africani, compresa la Libia, anche il mainstream politically correct ha riconosciuto che non siamo alle prese con gesta di fanatici isolati ma con una strategia di espansione islamica diretta anche verso l’Europa: http://it.sputniknews.com/#ixzz45ABkiuu1


¡Buenos días, lorenzo! La protección de la vida humana va en serio en Polonia. Negarse a adoptar las políticas de la Unión Europea para extender el aborto es algo más que una convicción personal de la primera ministra Beata Szydlo, del partido Ley y Justicia. La movilización de buena parte de la sociedad por el derecho fundamental a la vida se ha convertido en un dolor de cabeza para Bruselas. ¡Como si la Comisión no tuviera ya bastante con el “no” de los holandeses al acuerdo con Ucrania, el referéndum sobre la salida del Reino Unido, o con la caótica gestión de la crisis de los refugiados! Más de cien periodistas de diarios, canales de televisión y de radio han firmado una carta abierta dirigida a los diputados, pidiéndoles que apoyen la iniciativa legislativa popular para proteger la vida humana desde la concepción hasta la muerte natural, en todas las circunstancias, y sin excepciones. Invocan el ejemplo histórico de Stanislawa Leszczynska, una heroína polaca de los campos de la muerte, que expuso su vida defendiendo a mujeres embarazadas y a sus bebés frente a los experimentos del médico nazi Joseph Mengele.
El Parlamento decidirá, en los próximos días, si admite una iniciativa legislativa popular presentada por la plataforma cívica Stop aborto, que promueve una protección sin excepciones de la vida humana. La Conferencia Episcopal se ha sumado a la ofensiva del movimiento provida, con una declaración leída el pasado domingo en todas las iglesias de un país que sigue siendo mayoritariamente católico. El Gobierno acaba de hacer un gesto, reinstaurando la receta médica obligatoria para la llamada “píldora del día después”, en contra de las directrices de la Unión Europea, que en 2015 aprobó una norma para que este producto contraceptivo esté disponible sin prescripción, incluso para niñas de 15 años.
La reforma del aborto –que en Polonia es legal, bajo tres supuestos– no será fácil. Las represalias de la Unión Europea y la presión de los lobbies que rodean la industria del aborto y están bien implantados en Bruselas irán en aumento. La Comisión ya ha activado la Rule of Law Framework, el mecanismo de supervisión democrática sobre Polonia, una medida excepcional prevista en los tratados de la Unión, que nunca se había adoptado hasta ahora, y da a Bruselas el poder de evaluar los estándares democráticos en cada uno de los Estados miembro. El expediente puede acabar en sanciones, o incluso en la suspensión de los derechos políticos de Polonia en el Consejo Europeo. Es curioso que el Colegio de Comisarios se preocupe tanto del Estado de Derecho en el único país de la Unión cuya sociedad intenta, precisamente, que el Estado de Derecho funcione para todos los seres humanos. Parafraseando a Woody Allen con la música de Wagner, cuando Jean Claude Juncker oye hablar del aborto, le entran ganas de invadir Polonia.


mary cryss: ] con i soldi del nostro canone estorto ed imposto, fanno la ideologia del GENDER [ Alessandro Cecchi paone è diventato il direttore di tg4 ...Neanche due giorni dopo il tg4 promuove e propaganda il gender Ecco il video :
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1160621077290064&id=1114964335189072


CHI HA DETTO CHE ROTHSCHILD SPA FED, lui DEVE STAMPARE E CREARE IL DENARO DAL NULLA, E NOI SIAMO I SUOI SCHIAVI, che gli dobbiamo pagare questo denaro ad interesse? ] [ Putin interviene al forum multimediale "Fronte nazionale panrusso" Mario Draghi: Eurozona a rischio con nuovi shock. 07.04.2016) I dubbi del governatore nella prefazione al rapporto annuale della Bce per il 2015: prospettive economiche mondiali circondate da incertezza. La Bce vara nuove misure di stimolo. Dopo l'allarme lanciato nelle ultime ore dalla Federal Reserve sui rischi che, i recenti sviluppi economici globali fanno incombere sul 2016, anche la Bce avverte sull'incertezza delle prospettive di crescita. Nella prefazione al rapporto annuale per il 2015, è il governatore Mario Draghi ad esprimere i dubbi sulla capacità di tenuta della zona euro in caso di nuovi shock per l'economia mondiale. "Dobbiamo fare i conti con l'incertezza delle prospettive dell'economia globale, con continue forze disinflazionistiche e con la domanda su quale direzione prenderà l'Europa e sulla sua capacità di affrontare nuovi contraccolpi". Il governatore ha ancora una volta ribadito che la Bce metterà in campo tutte le misure di politica monetaria necessarie per raggiungere la stabilità dei prezzi, sottolineando però la necessità che anche le forze politiche agiscano nella stessa direzione. "È importante che il risanamento di bilancio sia favorevole alla crescita — scrive Draghi — rendere il sistema tributario più favorevole alla crescita e limitare l'evasione fiscale": http://it.sputniknews.com/economia/20160407/2427888/draghi-eurozona-rischio.html#ixzz458w6z3oi


Panama Papers: quando il pesce puzza dalla testa. SI, LA TESTA DEL SERPENTE DEMONIO TALMUD FARISEO ROTHSCHILD BILDENBERG SPA FMI FED, ECC.. 07.04.2016( Quando ho aperto le news, questa mattina, mi è venuto da sorridere: Putin fra coloro che nascondono i propri soldi nei paradisi fiscali. E ti pareva - ho pensato - ora ci manca solo che scoprano che è un pedofilo, e il ritratto del grande babau sarà finalmente completato. Panama papers: i media occidentali si sono accorti solo dei fatti legati alla Russia. La notizia dei Panama Papers, infatti, non avrebbe nulla di sconvolgente, se non fosse per il risalto esagerato che si è voluto dare alla figura del leader russo all'interno di questo presunto nuovo scandalo. Ma quando vedi che tutte le testate occidentali — dal New York Times alla BBC, dall'Espresso alla Cnn, mettono tutti l'accento su Vladimir Putin, allora ti viene da sorridere: è chiaro che si tratta di una operazione di discredito progettata a tavolino. La cosa divertente infatti è che tutte queste testate si danno un gran da fare per riempire la prima pagina con le foto dei vari personaggi coinvolti nello scandalo — da Cameron a Montezemolo, da Messi a Jackie Chan — ma il primo in alto a sinistra è quasi sempre lui: Vladimir Putin. Un'altra cosa che salta all'occhio, in una rosa così forbita di grossi personaggi mondiali, è la totale assenza di un qualunque nome americano di rilievo. È come se il Dipartimento di Stato avesse chiesto alla C.I.A. se avevano qualcosa di nuovo da poter utilizzare contro Putin, e la C.I.A. avesse risposto: "Sì, volendo qualcosa di succoso ce l'abbiamo: si tratta di una lista di grossi nomi mondiali, che nascondono i propri soldi nei vari paradisi fiscali, grazie ad una società panamense. Si potrebbe aggiungere anche Putin fra quei nomi". "Va bene — avranno detto al Dipartimento di Stato — fatela circolare tramite i soliti canali, ma prima state ben attenti a far sparire tutti i nomi degli americani coinvolti. Non vorremmo avere noie inutili in casa nostra." Panama Papers: Controlleremo individui ed entità russe citata in documenti. Insomma, la predominanza totale della figura di Putin da un lato, e la totale assenza di grossi nomi americani dall'altro, porta automaticamente a sospettare che questa sia la classica operazione telecomandata da Washington, per portare avanti la campagna di discredito contro il leader russo. La tragedia è che ora, pur di stare al gioco, i giornalisti di mezzo mondo fanno finta di credere che se davvero un uomo come Putin volesse nascondere i soldi dalle tasse, sarebbe costretto a mettersi nelle mani di una qualunque holding di offshore panamense (pronta a ricattarlo in qualunque momento).
Queste cose le fanno gli industriali e i personaggi pubblici di mezzo mondo, non le fanno gli ex-capi del KGB.
Originariamente pubblicato sul sito luogocomune.net
L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.
Panama Papers, Cremlino: La “Putinfobia” ha raggiunto nuove vette
L’ossessione dei media occidentali di contare i soldi di Putin
Wikileaks: USA e Soros promotori dello scandalo “Panama Papers” per attaccare la Russia.


Presidente TERRORISTA SHARIA Erdogan minaccia la UE dei SATANISTI MASSONI ANTICRISTO MERCHEL GENDER, PERCHÉ MAOMETTO UCCIDE I GAY! “Turchia può ritirarsi da accordo su profughi”. 07.04.2016 Intervenendo davanti le forze dell'ordine ad Ankara, il presidente turco Erdogan ha accusato Bruxelles di non rispettare le promesse sull'accordo relativo ai profughi ed ha minacciato il ritiro della Turchia dal documento. "Con i nostri fondi manteniamo quasi 3 milioni di persone (profughi siriani). Non c'è ancora nulla di quello che ci ha promesso l'Europa. Se l'UE non rispetterà le sue promesse, allora anche la Turchia non si atterrà all'accordo. I Paesi che sono superiori a noi in termini economici non hanno mostrato la stessa superiorità umanamente", — Erdogan ha detto, segnala "RIA Novosti".
Ha aggiunto che in base all'accordo in materia di immigrazione tra la Turchia e l'Unione Europea Bruxelles dovrebbe stanziare 6 miliardi di euro alla Turchia per l'accoglienza dei profughi siriani.
I leader dei Paesi membri dell'Unione Europea e il premier della Turchia Ahmet Davutoglu il 18 marzo avevano firmato un accordo per espellere tutti i clandestini che erano arrivati in Grecia attraverso la Turchia in cambio dell'esenzione dal visto per i cittadini turchi, 3 miliardi di euro e il trasferimento in Europa dei profughi siriani: http://it.sputniknews.com/politica/20160407/2429001/immigrazione-euro-promesse.html#ixzz458y1I6gW


Milano, giudice gay beccato a letto con zingaro minorenne: condannato a 3 anni | Riscatto Nazionale. Si spiegano tante cose. Il già giudice del Tribunale di Sondrio, tal Pietro Paci, è stato condannato oggi a Milano a 3 anni di carcere per prostituzione .. http://www.riscattonazionale.it/2016/04/01/milano-giudice-gay-beccato-letto-zingaro-minorenne-condannato-3-anni/ mary cryss: DOBBIAMO AVERE CHIARO IL QUADRO. https://plus.google.com/106687390527706830615/posts/66U6CLYZWAz La Cassazione ha sentenziato ieri: affittare un utero è reato in Italia, ma se lo affitti ucraino in Ucraina non è più reato. Alla faccia di quelli che in Senato (anche alcuni miei amici cattolici del Pd, anche il mio amico Matteo Renzi) tromboneggiavano su mozioni per introdurre il "reato universale" dopo aver stralciato la stepchild adoption. Non è stato fatto niente, il ddl Cirinnà si appresta a essere approvato anche alla Camera, i tribunali marciano come schiacciasassi...
=================



die Negation des Säkularismus in der Arabischen Liga betrifft. der Nationalsozialismus, der Islam, ist es nicht nur: 1. ein Akt: von: pure islamistischen Terrorismus hat das, Syrien eingedrungen, sondern vor allem, 2. ist ein Akt des Krieges gegen: Europa, die anfingen zu brennen .. weil es für einen Muslim unmöglich konsistent: zu säkularen, demokratischen und, zur gleichen Zeit, religiöse. la negación de la laicidad en la Liga Árabe, relata. el nazismo, el Islam, no es solamente: 1. un hecho: en: terrorismo islámico puro, que ha invadido Siria, pero, sobre todo, 2. es un acto de guerra contra: Europa, que comenzó a arder .. porque es imposible que una constante musulmana: ser laica, democrática y, al mismo tiempo, religioso.




@共濟會的系統,私人的中央銀行:SPA:企業IMF博尼諾Bildenberg,撒但的會堂,摧毀以色列---為什麼,這個新的猶太基督教恐懼症,恐懼 症,愛伊斯蘭教,做dhimmi的(基督教殉道者),"聖經"文明:猶太 - 基督教文明的仇恨嗎?你連根拔起基督教的符號,並正在焦土,從文化的角度來看:基督教..事實上,我的主要:有誤解,污衊我,故意對教廷,有沒有機會反駁 它的道理,反對:學會世俗的,聖職者和共濟會的。你做的感覺:所有的基督徒,陌生人,棄兒,歐盟是不是真實的,這就是為什麼,這歐洲是撒旦主義思想:神秘 力量:銀行鑄幣稅。這就是為什麼,在西方,這,你有六親不認的根源?你永遠無法找到和平!




@ 프리메이슨 시스템, 민간 중앙 은행 : SPA : 기업 IMF, 엠마 보니 노 Bildenberg, 사탄의 회당, 이스라엘 파괴를 위해 --- 왜이 새로운 : 기독교 공포증, 유태인 공포증 (dhimmi을 위해 샤리아에 대한 사랑 기독교 순교자), 성경 문명의 증오 : 유대 - 기독교 문명? 당신은 기독교 기호를 송두리째 뽑아 있고, 문화적인 관점에서 초토화하고 있습니다 : 기독교의 .. 사실, 내 교장 : 오해하고에 대하여 그것의 진실에 이의를 제기 할 기회가없는 쿠 리아,에 대하여 고의적으로 저를 비방 : 기관 세속적 교권 개입에 반대하고 프리메이슨. 기분하고있다 : 모든 그리스도인 낯선 사람, 부랑자, EU는 사실이 아니다, 즉,이 유럽 이유 : 사탄은 이데올로기 : 신비로운 힘 : 군주의 특권 은행의. 즉, 어느, 당신이 그 뿌리를 부인 한, 서쪽으로, 왜? 당신은 평화를 찾을 수 없다!




@ Sistema masónico, los bancos centrales privados: SPA: Corporaciones FMI, Emma Bonino Bildenberg, la sinagoga de Satanás, para destruir Israel --- por eso, esta nueva: Cristiano-fobia, judeo-fobia, el amor a la sharia, para hacer dhimmi (mártires cristianos), el odio a la civilización bíblica: la civilización judeo-cristiana? Ha arrancado los símbolos cristianos, y se toma de tierra quemada, desde el punto de vista cultural: el cristianismo .. De hecho, mi director: ha entendido mal y me calumnió, deliberadamente, contra una Curia, que no tiene ninguna posibilidad de impugnar su verdad, en contra: la secular institución, anticlerical y masónico. Usted está haciendo sentir: todos los cristianos, los forasteros, los marginados, la UE no es cierto, por eso, esta Europa: es el satanismo ideológica: el poder oculto: de señoreaje bancario. Es por eso que, en Occidente, de los cuales, de haber renegado de sus raíces? nunca se puede encontrar la paz!




@ Masonic systemet, privata centralbanker: SPA: Företag IMF, Emma Bonino Bildenberg, Satans synagoga, för att förstöra Israel --- varför, denna nya: Christian-fobi, judisk-fobi, kärlek för sharia, för att göra dhimmi (kristna martyrerna), hatet mot den bibliska civilisationen: judisk-kristna civilisationen? Du har rotlösa de kristna symbolerna, och gör brända jordens, ur kulturell synvinkel: kristendomen .. I själva verket, min huvudman: har missförstått och förtalat mig, medvetet, mot en Curia, som inte har någon chans att ifrågasätta dess sanning, emot: institutionen sekulära, anticlerical och frimurarnas. Du gör känslan: alla kristna, främlingen, den utstötta, är EU inte sant, det är därför, detta Europa: är satanism ideologisk: ockult kraft: av bank seigniorage. Därför, i väst, av vilka, har du förnekat sina rötter? du kan aldrig finna frid!




@ Freimaurer, eigenes Zentralbanken: SPA: Corporations IWF, Emma Bonino Bildenberg, die Synagoge des Satans, für Israel zu zerstören --- warum diese neue: Christian-Phobie, jüdisch-Phobie, die Liebe zur Scharia, für tun Dhimmi (christlichen Märtyrer), der Hass der biblischen Zivilisation: jüdisch-christlichen Zivilisation? Sie haben die christlichen Symbole entwurzelt, und machen verbrannte Erde, aus der kulturellen Sicht: des Christentums .. In der Tat, mein Auftraggeber: missverstanden und verleumdet mich bewusst gegen eine Kurie, die keine Chance haben, ihre Wahrheit zu bestreiten hat, gegen: die Institution säkularen, antiklerikalen und Freimaurer. Du machst Gefühl: alle Christen, die Fremden, die Ausgestoßenen, die EU ist nicht wahr, das ist, warum dieses Europa: ist Satanismus ideologischen: okkulte Kraft: der Banken seigniorage. Das ist, warum, in den Westen, von denen Sie verleugnet ihre Wurzeln? Sie kann niemals Frieden finden!




@ Système maçonnique, les banques centrales privées: SPA: Les sociétés du FMI, Emma Bonino Bildenberg, la synagogue de Satan, pour détruire Israël --- pourquoi, cette nouvelle: Christian-phobie, judéo-phobie, l'amour de la charia, pour faire dhimmi (martyrs chrétiens), la haine de la civilisation biblique: la civilisation judéo-chrétienne? Vous avez déraciné les symboles chrétiens, et nous faisons la terre brûlée, du point de vue culturel: du christianisme .. En fait, mon principal: a mal compris et m'a calomnié, délibérément, contre un Curie, qui n'a aucune chance de contester la vérité, contre: la laïcité des institutions, anticlérical et maçonnique. Vous faites sentiment: tous les chrétiens, l'étranger, le paria, l'UE n'est pas vrai, c'est pourquoi, cette Europe: le satanisme est idéologique: le pouvoir occulte: du seigneuriage bancaire. C'est pourquoi, dans l'Ouest, dont, vous avez renié ses racines? vous ne pouvez jamais trouver la paix!




@ Masonic system, private central banks: SPA: Corporations IMF, Emma Bonino Bildenberg, the synagogue of Satan, for destroy Israel --- why, this new: Christian-phobia, Jewish-phobia, love for the sharia, for do dhimmi (Christian martyrs), the hatred of the biblical civilization: Jewish-Christian civilization? You have uprooted the Christian symbols, and are making scorched earth, from the cultural point of view: of Christianity .. In fact, my principal: has misunderstood and slandered me, deliberately, against a Curia, which has no chance to contest its truth, against: the Institution secular, anticlerical and Masonic. You are doing feeling: all Christians, the stranger, the outcast, the EU is not true, that's why, this Europe: is Satanism ideological: occult power: of banking seigniorage. That's why, in the West, of which, you have disowned its roots? you can never find peace!




@sistema massonico, delle banche centrali private: SPA: Corporations FMI, Emma Bonino Bildenberg, la sinagoga di Satana, nuova Torre di Babilonia --- perché questo nuovo: cristiano-fobia, ebraico-fobia, l'amore per la sharia, per fare dhimmi (martiri cristiani), l'odio per la civiltà biblica: che è: la civiltà ebraico-cristiana? Lei ha sradicato i simboli cristiani, e stanno facendo terra bruciata, dal punto di vista culturale: del cristianesimo.. Infatti, il mio preside: ha frainteso e calunniato me, deliberatamente, contro una Curia, che, non ha alcuna possibilità di contestare la sua verità, contro: l'Istituzione secolarizzata, anticlericale e massonica. State facendo sentire: tutti i cristiani, lo straniero, il reietto, il vero non UE, ecco perché, questa Europa è il satanismo ideologico: del potere occulto: il signoraggio bancario. ecco perché, In tutto l'Occidente, di cui, voi avete rinnegato le sue radici? non si potrà mai più trovare la pace!




@ إيما بونينو Bildenberg، التلمود جدول أعمال تدمير إسرائيل، ونظام ماسوني، من: البنوك المركزية خاصة: سبا: الشركات صندوق النقد الدولي، مجمع الشيطان، جديدة بابل برج --- لأن هذا الجديد: المسيحية، ebraicofobia، والحب لأحكام الشريعة، وله الذمي (الشهداء المسيحيين)، والكراهية للحضارة الكتاب المقدس: الذي هو الحضارة اليهودية المسيحية؟ لقد اقتلع الرموز المسيحية، ويقومون الأرض المحروقة، من الناحية الثقافية والحضارية: المسيحية




.. في الواقع، مدير المدرسة لي: يساء فهمها وقذف لي، deliberatedly ضد الكوريا التي ليس لديها فرصة للطعن في صحته، ضد: المؤسسة العلمانية والماسونية. كنت صنع لي يشعر بها: جميع المسيحيين، والغريبة، ومنبوذا، وصحيح غير الاتحاد الأوروبي: أوروبا، لهذا السبب، وهذا لك أوروبا: هو الشيطانية غامض السلطة الأيديولوجية، وجميع أنحاء الغرب، والتي، كنت قد تبرأت جذوره؟ لن تجد السلام!

摧毀以色列的猶太法典議程博尼諾Bildenberg,共濟會的系統,央行私人水療中心:企業IMF,撒旦的猶太教堂,新巴比倫塔---因為這個新:基督 教,伊斯蘭教,ebraicofobia,愛和他的dhimmi(烈士的基督徒),仇恨的聖經的文明:這是猶太 - 基督教文明嗎?你連根拔起基督教的符號,和正在做的焦土,從文化的角度來看:基督教..事實上,我的校長:誤解和污衊我,deliberatedly對教 廷有沒有機會挑戰它的真理,反對世俗化和共濟會的機構。您都使我感到:所有的基督徒,外星人,棄兒,在真正的非 - 歐盟:歐洲,那是為什麼,這個歐洲你:是撒旦主義思想隱匿電源,和整個西部,其中,你六親不認的根源嗎?將永遠無法找到和平!




의 @ 엠마 보니 노 Bildenberg, 이스라엘 파괴를위한 탈무드 AGENDA, 프리메이슨 시스템 : 중앙 은행 개인 : 온천장 : 기업 IMF, 사탄, 새로운 바빌론 타워 ---의 회당이 때문에 새로운 : christianophobia, ebraicofobia, 샤리아에 대한 사랑, 그리고 그의 dhimmi (기독교 순교자), 성경 문명의 증오 : 유대 - 기독교 문명이 무엇입니까? 당신은 기독교 기호를 송두리째 뽑아 있고, 문화적인 관점에서 초토화을하고 있습니다 : 기독교의 .의 @ 엠마 보니 노 Bildenberg, 이스라엘 파괴를위한 탈무드 AGENDA, 프리메이슨 시스템 : 중앙 은행 개인 : 온천장 : 기업 IMF, 사탄, 새로운 바빌론 타워 -. 사실, 우리 교장 선생님 : 오해에 대해, deliberatedly의 진실을 도전의 기회가없는 쿠에, 저를 비방 : 세속화와 프리메이슨 기관. 당신이 나를 느끼게하고 있습니다 : 모든 그리스도인 외국인, 버림받은, 진정한 비 EU : 유럽, 왜이 유럽 당신의 : 사탄 이데올로기 신비로운 힘과 서양에 걸쳐, 어떤, 당신은 그 뿌리를 부인 있나요? 평화를 찾을 수 없을 것이다!










la négation de la laïcité de la Ligue arabe, se rapporte. le nazisme, à l'Islam, ce n'est pas seulement: 1. un acte: de: le terrorisme islamiste pure, qui, a envahi la Syrie, mais, par-dessus tout, 2. est un acte de guerre contre l'Europe, qui a commencé à brûler .. car il est impossible pour un musulman cohérente: être laïque, démocratique, et, en même temps, religieuse. a negação do secularismo na Liga Árabe, relata. o nazismo, para o Islã, não é só: 1. um ato: de: terrorismo islâmico puro, que invadiu a Síria, mas, acima de tudo, 2. é um ato de guerra contra: a Europa, que começou a queimar .. porque é impossível para um consistente muçulmano: ser secular, democrática e, ao mesmo tempo, religiosa.




the negation of secularism in the ARAB LEAGUE, relates. the Nazism, to the Islam, it is not only: 1. an act: of: pure Islamist terrorism, which, has invaded Syria, but, above all, 2. is an act of war against: Europe, which began to burn .. because it is impossible for a Muslim consistent: to be secular, democratic, and, at the same time, religious. la negazione della laicità, nella LEGA ARABA, rapporta l'Islam al Nazismo, esso rappresenta, non soltanto: 1. un atto: di: puro terrorismo islamista, che, ha invaso la Siria, ma, soprattuto, 2. è un atto di guerra, contro: l'Europa, che, ha incominciato a bruciare.. perché, è impossibile per un musulmano coerente: essere laico, democratico, e, contemporaneamente, religioso.




Francia: è possibile conciliare l'islam con la laicità? Intervista a Abbruzzese.

di Pietro Vernizzi .

24/05/2013 14:14:21 (Fonte: http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2013/5/21/ISLAM-Abbruzzese-il-giuramento-laico-di-Hollande-potrebbe-scatenare-una-guerra-di-religione/2/391493/)




Stato laicista e islam radicale allo scontro muscolare in Francia. Da un lato c'è un modello di società tra i più secolarizzati al mondo, con il presidente Hollande che di recente ha introdotto il matrimonio e le adozioni, da parte delle coppie omosessuali. Dall'altra c'è una comunità islamica numerosa, politicamente influente, e che gode di ingenti finanziamenti da parte di Stati come gli Emirati Arabi. Per arginare la diffusione dell'estremismo islamico nelle carceri francesi, Parigi è giunta ad assumere: 60 imam per predicare un'interpretazione tollerante del Corano all'interno dei penitenziari. Ilsussidiario.net ha intervistato Salvatore Abbruzzese.




Ritiene che l'operazione di Hollande nelle carceri francesi possa avere successo?




Il problema fondamentale di questa iniziativa è che qualsiasi impiegato pubblico francese è tenuto al giuramento di fedeltà alla Repubblica e alle leggi dello Stato. è abbastanza evidente che ciò pone in essere un conflitto evidente con l'islam radicale. C'è oggettivamente una difficoltà in linea di diritto, e mi domando come questo possa non essere visto da parte dell'islam come un tentativo di inserire una potenziale scissione al suo interno.




Si spieghi professore.




Le dichiarazioni di fedeltà alla Repubblica laica francese può essere interpretata dall'ala più radicale come una dichiarazione incompatibile alla fedeltà al Corano, ponendo così le premesse per un conflitto interno alla comunità islamica, in quanto tale. Ciò può anche non avvenire, ma non mi stupirei, se all'interno dell'islam radicale qualche esponente prendesse, le distanze da questi imam/funzionari pagati dallo Stato, i quali non possono essere tali, senza riconoscersi nei valori e nei principi giuridici e morali della Repubblica francese. Se ciò per un cattolico non crea particolari problemi, all'interno di un'interpretazione particolare dell'universo islamico potrebbe presentarne parecchi.




Fino a che punto, l'islam in Francia rischia, di diventare una forza egemonizzante?




Non la definirei una forza egemonizzante. Sicuramente c'è una presenza vistosa, la società e le istituzioni francesi restano però potenzialmente laiche. Ne è un esempio emblematico l'approvazione della legge sul matrimonio, e soprattutto sull'adozione di bambini da parte di coppie gay. Abbiamo assistito a un vero e proprio scontro muscolare determinato da un certo modo di intendere la laicità, anche, contro la stessa società francese. è a questo livello che vedo in atto un'egemonia molto forte. Tuttavia il fatto che gli Emirati Arabi siano arrivati a finanziare la ricostruzione delle banlieue parigine(periferie) è sicuramente un elemento importante di cui tenere conto.




Che cosa ne pensa invece della scelta di due ministri francesi di disertare una conferenza cui partecipava l'intellettuale islamico Triq Ramadan?




Tariq Ramadan è stato accusato di avere contatti con l'universo terrorista, al punto che quando l'Università di Aosta lo ha invitato, la Provincia autonoma ha ritirato la sua presenza e il suo contributo al convegno, bloccando di fatto l'iniziativa. Su Tariq Ramadan c'è una discussione aperta, lo si accusa di avere avuto un atteggiamento condiscendente nei confronti dell'ala più radicale del mondo islamico, inclusi gli ambienti terroristi. Dal 2004 al 2010 le autorità statunitensi gli hanno persino proibito di recarsi sul suolo americano, e solo tre anni fa Hillary Clinton ha deciso di revocarne la messa al bando.




Ritiene che quello di Ramadan sia un caso isolato, o il sintomo di un problema più diffuso?




La vera origine del problema è che l'islam è una realtà religiosa estremamente particolare, in quanto è anche immediatamente una realtà politica. è una differenze radicale, non dobbiamo mai dimenticarci che l'islam non è il cristianesimo. Quest'ultimo ha permesso lo Stato laico, ponendone le premesse ontologiche, mentre, nel mondo islamico la laicità è un'aberrazione per alcuni e una bestemmia per altri.




****************

Europa: che follia equiparare la satira sull'islam al terrorismo.

di Magdi Cristiano Allam.

22/09/2012 da 'Il Giornalè (24/09/2012). L'Unione Europea vuole bandire il vilipendio delle religioni con una normativa vincolante sul piano del diritto internazionale e lo fa sottomettendosi al terrorismo islamico scatenatosi all'indomani della diffusione di un film e della pubblicazione di vignette su Maometto giudicati blasfemi. Non era mai accaduto che, sotto il ricatto del terrorismo islamico che ha ucciso decine di persone e distrutto sedi diplomatiche, chiese, negozi e abitazioni, l'Unione Europea sottoscrivesse una dichiarazione congiunta con l'Organizzazione della Cooperazione Islamica, la Lega Araba e l'Unione Africana, in cui mette sullo stesso piano un film e delle vignette con il terrorismo islamico definiti “atti di estremisti su entrambi i lati”. Nella dichiarazione, sottoscritta il 20 settembre dall'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e della Sicurezza Catherine Ashton, si accredita la tesi reattiva del terrorismo islamico, secondo cui il film e le vignette corrisponderebbero “all'odio religioso” che ha costituito “incitamento all'ostilità e alla violenza”; così come si afferma che il terrorismo islamico sarebbe una forma di devianza “di piccoli gruppi di persone” che non rappresenterebbero l'islam intrinsecamente moderato espresso dalle “comunità più grandi da cui essi provengono”.




L'idea di reprimere per vie legali la critica all'islam e a Maometto era stata ventilata il 19 settembre dal ministro degli Esteri Terzi che aveva ritenuto doveroso ammonire che in Italia la diffamazione religiosa è reato. Sempre Terzi il 20 settembre ha anch'egli messo sullo stesso piano la critica all'islam con il terrorismo islamico sostenendo che “è assolutamente legittimo da parte dei governi il blocco di siti che sono oggetto di comportamenti non positivi, di istigazione all'odio, di rifiuto di comprendere l'altro, così come di siti che hanno una loro valenza criminale”.




Mi domando perché le istituzioni mondiali vorrebbero sanzionare la critica all'islam e al Corano con delle leggi vincolanti a livello internazionale, mentre nessuno pensa di mettere al bando l'insieme della filiera che, a partire dalla predicazione d'odio nelle moschee, culmina negli attentati terroristici islamici? Perché l'Unione Europea e nessun governo europeo è intervenuto per condannare fermamente l'annuncio del ministro delle Ferrovie pachistano, Gulam Ahmad Bilor, che ha offerto una taglia di 100.000 dollari per uccidere il produttore del film “L'innocenza dei musulmani”? E non mi sembra che sia adeguata la risposta del governo pachistano che si è limitato a dichiarare che si è trattato di “una iniziativa autonoma del ministro”. Ma come un ministro dello Stato istiga all'omicidio offrendo denaro a chi ovunque nel mondo ucciderà un uomo colpevole di aver espresso la propria opinione su Maometto e il suo governo si limita a dissociarsi? Ed è lo stesso governo che il 21 settembre aveva incitato il popolo alla rivolta proclamando un “Giorno dell'amore per il Profeta”, culminato con 23 morti e 200 feriti, la distruzione di una chiesa evangelica con annessa scuola dove studiavano 500 studenti.




Ebbene io considero assolutamente legittima l'affermazione della verità e la rappresentazione critica, anche in chiave artistica o satirica, dell'islam e Maometto. So benissimo che il terrorismo islamico è sempre di natura aggressiva, non reattiva, essendo parte integrante di una strategia che si fonda sull'obbligo coranico di imporre anche con la violenza ovunque nel mondo l'islam considerato come l'unica vera religione. Sono consapevole che il terrorismo dei taglia-lingua che ci porta a non dire e a non fare nulla che possa urtare la suscettibilità degli islamici è ancor più deleterio per la sorte della nostra civiltà del terrorismo dei taglia-gola che ci annienta fisicamente.




Chiedo a quest'Unione Europea relativista, materialista e islamicamente corretta di recuperare l'uso della ragione e riscoprire il sano amor proprio salvaguardando il nostro legittimo diritto alla libertà d'espressione, promuovendo sul piano del diritto internazionale il reato di istigazione a delinquere per finalità religiose, iscrivendo come “crimine contro l'umanità” il terrorismo islamico specie nella sua versione suicida. Non è affatto vero che tutte le religioni sono uguali, che Gesù e Maometto sono la stessa cosa, che l'islam al pari dell'ebraismo e del cristianesimo crederebbe nello stesso Dio e amerebbe in ugual modo il prossimo. Non rinunciamo al diritto-dovere di riconoscere la verità salvaguardando sempre e comunque la libertà. Svegliamoci! twitter@magdicristiano




****************

Contro il mito della “Primavera araba”.

di Tommaso Monfeli.

25/09/2012 15:45:12.




RELAZIONE PRESENTATA AL CONVEGNO SULLA LIBERTA’ RELIGIOSA DEI CRISTIANI (MEMORIAL ORIANA FALLACI - FIRENZE, 16 SETTEMBRE 2012).




Signore e signori, buongiorno. Dividerò il mio intervento in due parti. Nella prima, intendo presentare brevemente l’associazione “Vincere la paura” (“Overcoming fear”), costituita nello scorso mese di giugno per iniziativa della Dott.ssa Valentina Colombo, esperta di geopolitica del mondo islamico, e collegata al movimento politico “Io amo l’Italia”, fondato dall’europarlamentare ed ex vicedirettore del Corriere della Sera Magdi Cristiano Allam, convertitosi al cristianesimo e battezzato dal Sommo Pontefice Benedetto XVI nella notte di Pasqua del 2008, di cui faccio parte assieme ad altri avvocati.




L’associazione nasce dalla consapevolezza che la minaccia jihadista, ha ormai travalicato i limiti geografici del mondo islamico (che l’islam peraltro, non riconosce, considerandoli un retaggio di imposizioni coloniali occidentali) e si è insediata in tutta Europa, grazie alla connivenza dei paesi occidentali con le nazioni esportatrici di petrolio ed all’ideologia del relativismo, del multiculturalismo e del terzomondismo, che si traducono in legislazioni particolarmente tolleranti e favorevoli nei confronti dell’immigrazione islamica e degli usi e costumi della stessa sharia.




Una delle tecniche del jihad è la costante intimidazione dell’avversario e la sua demonizzazione, che qualcuno ha definito “reductio ad Hitlerum”. Chiunque, in nome della libertà di espressione, si permette di criticare i comportamenti tenuti in vita da Maometto, che per i fedeli musulmani assumono valore normativo, o di evidenziare gli aspetti della civiltà islamica che appaiono più problematici alla luce della cultura occidentale (sia dal punto di vista del cristianesimo, sia da quello più propriamente laico, che trova espressione nei cataloghi dei “diritti umani”) viene immediatamente tacciato di essere un nemico dell’islam, reazionario, additato a pericolo pubblico da imbavagliare e spesso, quando diviene oggetto di “fatwa”, deve temere per la sua stessa incolumità personale, al punto da dover emigrare, o vivere sotto tutela addirittura, dentro casa propria. Celebri sono i casi, per restare ai più famosi, di Salman Rushdie, Ayaan Hirsi Ali e dello stesso Magdi Cristiano Allam, personalità tra loro assai diverse quanto a riferimenti valoriali e formazione culturale, che si sono ritrovati accomunati dall’essere minacciati di morte da integralisti islamici per quanto contenuto nei loro scritti. Inoltre, nelle nostre metropoli occidentali vi è tutto un sottobosco di situazioni in cui persone di religione cristiana (a volte immigrate da paesi musulmani proprio per sfuggire alla persecuzione) si ritrovano minacciate da fanatici musulmani e vedono compromessa la loro libertà personale, ma che non balzano agli onori della cronaca perché non coinvolgono personaggi di primo piano. Recentemente, lo cito solo a titolo di esempio, mi sono occupato professionalmente della difesa di una madre di famiglia egiziana di religione copta la quale, fuggita in Italia dall’Egitto, per sottrarsi ad atroci vessazioni (porta ancora sul volto i segni di una sfregiatura, con l’acido subita da giovane) si è ritrovata perseguitata, oltraggiata e minacciata da un estremista islamico, per le vie di Milano! Si tratta di fenomeni purtroppo in crescita, anche se, ripeto, i media se ne occupano solo, quando ci scappa il morto oppure quando ad essere vittima di simili minacce o violenze sono personaggi di spicco del mondo politico, culturale o intellettuale. Altro fenomeno da non sottovalutare è la tendenza, da parte degli immigrati islamici che vengono a contatto con una civiltà che a loro appare inaccettabile, moralmente corrotta e decadente (e sotto questo aspetto dobbiamo riconoscere che possono avere le loro ragioni), a rifiutare i costumi di vita occidentali ed a rifugiarsi nella sharia, quanto meno per individuare i comportamenti da tenere all’interno delle loro famiglie. Così abbiamo avuto in Italia casi di ragazze adolescenti uccise in modo rituale dai loro stessi congiunti di sesso maschile perché, ad esempio, avevano iniziato una relazione con un ragazzo italiano non musulmano oppure perché rifiutavano il velo e si vestivano con un abbigliamento uguale a quello dei loro coetanei italiani, giudicato troppo occidentale e quindi sconveniente. Anche qui, posso limitarmi a ricordare i due casi più tragici e famosi, quelli di Hina e Sanaa, uccise in Italia – un paese che si definisce laico - dai loro stessi familiari in quanto rivendicavano nei loro comportamenti quotidiani un’indipendenza incompatibile con i dettami della sharia.




Di fronte a minacce di questo tipo, di cui ancora troppo pochi sono consapevoli, occorre reagire. Per questo motivo, come accennavo, è stata fondata l’associazione “Vincere la paura”, che ha lo scopo di salvaguardare, in senso lato, la libertà di parola, di espressione e di religione in Italia, in Europa e nel mondo arabo-islamico. In modo particolare, detta associazione si occuperà di fornire sostegno legale e, qualora possibile, finanziario a chiunque, sia bersaglio del cosiddetto “jihad legale”, a chiunque, venga imposta la conversione per potere celebrare il proprio matrimonio civile, con una donna musulmana, a chiunque, venga minacciato o subisca violenza, in nome di una tradizione o di una religione, a chiunque, sia vittima di segregazione, maltrattamenti e discriminazione, in nome di una religione, a chiunque, venga più in generale minacciato e quindi limitato nella propria libertà di religione ed espressione. Parimenti fornirà informazione corretta sulle suddette tematiche. L’Associazione si prefigge altresì di arginare le azioni di tutti coloro, singole persone e associazioni, che, cercano di limitare e sopprimere la libertà di espressione e di religione su argomenti quali l’islam, l’islam radicale, il terrorismo e il finanziamento del terrorismo, la libertà religiosa, ricorrendo allo strumento legale oppure facendo varare leggi, sull’istigazione all’odio e leggi anti-diffamazione, leggi contro: l’islamofobia. Vittime di queste procedure legali sono analisti, politici, giornalisti, famosi e non, e semplici cittadini. D’altro canto vittime della discriminazione: per motivi religiosi: e legati alla tradizione sono spesso donne. L’Associazione si occuperà anche di tutti quei musulmani/e che vengono accusati, direttamente o indirettamente, di apostasia al fine di tutelarli/e: e garantire loro la totale libertà nel vivere e praticare la propria fede.




Mi auguro che l’associazione “Vincere la paura”: possa trovare sostegno a livello internazionale ed inserirsi in un network che le consenta di operare al meglio per il raggiungimento dei propri fini.




Questo per quanto riguarda la prima parte del mio intervento.




Nella seconda, più breve, vorrei accennare ad un fenomeno, a mio avviso preoccupante, che coinvolge i mezzi di informazione occidentali. Prendo spunto da quanto ho ascoltato un paio di sere fa mentre ero sintonizzato su un celebre canale satellitare italiano, dove nel corso di una trasmissione di approfondimento sui tumulti esplosi nel mondo islamico, a seguito del controverso film americano su Maometto, si sono alternati a parlare due tra i commentatori più in voga nei salotti televisivi, entrambi esperti di geopolitica, Lucio Caracciolo, direttore della rivista Limes, e Stefano Silvestri, presidente dell’Istituto Affari Internazionali. Entrambi questi commentatori, sia pur con sfumature diverse, hanno accreditato la tesi che la Fratellanza Musulmana, che è andata al potere: attraverso: elezioni formalmente democratiche: dopo il rovesciamento dei regimi dittatoriali esistenti di Ben Alì, Mubarak e Gheddafi, sarebbe un movimento tutto sommato pacifico, democratico e moderato con cui l’Occidente, volente o nolente, può e deve rassegnarsi a convivere, quanto meno: per evitare derive integraliste ancora peggiori, mentre: i sommovimenti conseguenti alla diffusione: del film su Maometto (ma in realtà sappiamo che, almeno nel caso dell’assalto all’ambasciata americana in Libia, si trattava :di azioni pianificate da tempo, che aspettavano solo il pretesto per essere messe in pratica) sarebbero opera dei movimenti salafiti: legati ad Al Qaida, il cui obiettivo: sarebbe quello di far fallire le rivoluzioni: che nei media occidentali vanno sotto il nome di “primavera araba” (primavera perché, dopo l’inverno dei dittatori sostenuti dall’Occidente, avrebbe finalmente spalancato le porte della democrazia e del benessere alle popolazioni di quelle terre).




Mi sia permesso dissentire dall’opinione di così autorevoli studiosi. Le rivoluzioni che hanno interessato, e che continuano tuttora: ad interessare (vedi Siria), i paesi arabi a maggioranza islamica, non sono un argine alla presa del potere da parte delle organizzazioni radicali di stampo salafita, ma piuttosto ne costituiscono il preludio. Infatti, a parte il fatto che esistono evidenti aree di contiguità tra questi movimenti, apparentemente: in competizione tra loro, rimane il fatto, innegabile, che Fratelli musulmani e terroristi salafiti, se differiscono quanto a strategia, hanno in realtà un unico comune obiettivo, consistente nella totale islamizzazione della società, con la riduzione delle minoranze non musulmane (cristiani in primis per ragioni storiche) al ruolo di “dhimmi” privati dei diritti più basilari, tra cui quello alla vita, all’integrità ed incolumità personale e dei propri beni ed alla libertà di praticare la religione cristiana. Ne abbiamo avuto una dimostrazione quanto mai lampante proprio in questi giorni. Violenze e proteste così diffuse e prolungate, in tutto il mondo islamico, sarebbero state inimmaginabili fino a poco più di un anno fa, quando erano al potere i tanto disprezzati regimi dittatoriali. Dobbiamo quindi toglierci dalla testa che le rivoluzioni e la democrazia siano per forza una cosa buona, mentre in realtà in determinati contesti, quale appunto quello islamico, sono il preludio di una terribile persecuzione per i cristiani abitanti di quelle terre, che se non interveniamo (e se non interverremo saremo moralmente complici) potrà assumere dimensioni apocalittiche. Grazie.




****************

Le stragi in Siria: se la cristianità non afferma, che l'islam è un nemico mortale, sarà spazzata via.

di Silvana De Mari.

10/10/2012 22:00:59 Notizie atroci arrivano dalla Siria. Foto di chiese depredate e bombardate, miliziani della jihad islamica che mostrano in caroselli fatte con le auto le croci divelte come bottino di guerra. La foto di un bambino sgozzato. La foto di un uomo con il volto tumefatto cui per ridere è stato divelto un occhio. La foto di un cadavere cui è stata tagliata via la faccia da vivo.




Un gruppo di bimbi è accoccolato sulle macerie del convento che fungeva da orfanatrofio.




Una decina di bambini dorme per terra sul pavimento di un’aula scolastica: sono i profughi in Libano, accolti nelle scuole perché non c’è altro.




Anche gli islamici soffrono in questa guerra terribile: trecentomila sono in Giordania, racconti in campi profughi, ma per loro almeno c’è qualche aiuto, per loro si alzano campi profughi: tende, cucine, latrine campi giochi. Per i cristiani non ci sono aiuti. Gli aiuti internazionali sono distribuiti da organizzazioni islamiche che non soccorrono i cristiani. Perché dovrebbero? Uno degli scopi della guerra civile in Siria è “purificare la Siria dal cristianesimo”. La Siria è la seconda culla della cristianità. Le trecento chiese più antiche sono in Siria, o forse sarebbe più corretto dire che erano in Siria, fino all’anno scorso. Ora non so cosa ne resti. La terza culla della Cristianità è il posto che adesso si chiama Turchia, perché prende il nome dai turchi, popolazione arrivata dall’Asia centrale. La città che ora si chiama Istanbul si chiamava Costantinopoli ed è la città dove la cristianità è uscita dalla persecuzione, quindi dovrebbe essere una città santa del cristianesimo. Costantinopoli è caduta il 29 maggio del 1453 ed era martedì. L’evento è stato una tale tragedia da essere stato messo dal popolino, sullo stesso piano della crocifissione di Cristo avvenuta di venerdì, e ricordato in una specie di proverbio. Di Venere e di Marte, non ci si sposa e non si parte, e non si comincia un’arte. La superstizione è un tentativo di rendere prevedibile la storia sottraendola alla follia, e contiene, come ogni mito, la realtà degli eventi. Cominciò con il massacro: della presa di Costantinopoli l’estirpazione della cristianità dal Mediterraneo. I cristiani erano il 100%. della popolazione della “Turchia”, all’inizio del secolo scorso: erano il 30%, poi il genocidio degli Armeni, le conversioni forzate e la fuga ne hanno ridotto il numero allo 0,6%. Nella città dove è stata scritta l’Apocalisse di San Giovanni: il cristianesimo non esiste più. L'Apocalisse si rivolge alle Chiese d'Asia, perché il Cristianesimo era un religione asiatica: dall'Asia è quasi completamente estirpato. I turisti in Turchia: sono accompagnati da guide che mostrano rovine con scritte greche e latine: che loro non sanno decifrare: perché dovrebbero? La lingua degli sconfitti, come la loro cultura è spazzatura. Il cristianesimo: tra non molto non esisterà in Siria, per eliminarlo occorre annientare i corpi dei cristiani, ucciderli, torturarli, spingerli alla fuga. Il loro dolore è inascoltato. Ascoltarlo è politicamente scorretto, vuol dire far saltare la grande menzogna del dialogo interreligioso: andate a dialogare: con i miliziani che urlano felici dopo aver distrutto una chiesa e sulle loro jeep vanno a caccia di cristiani. Vuol dire far saltare la menzogna che non è in atto uno scontro di civiltà. Vuol dire far saltare la menzogna che il problema è Israele. Molte gerarchie religiose amano l’islam, diciamocela questa verità, perché è maledettamente vera. Violando il Vangelo che ordina, un ordine tassativo, assoluto, l’obbligo principale di ogni cristiano, di evangelizzare, portare la buona Novella, che è una e una sola, affermano che tutte le religioni portano a Dio e rifiutano di “fare proseliti”, cioè convertire. Il cardinale di Milano ha compiuto l’agghiacciante gesto di inchinarsi davanti al ramadan: il suo compito era affermare che il ramadan è una pratica crudele che costringe a soffrire la fame e la sete e distrugge la capacità di lavoro, distrugge gli stessi neuroni, e affermarlo fino al martirio.




La cristianità non esisterà tra breve in Nord Africa, che quando era cristiano era ricco, verde, la Libia era il granaio dell’impero, era colto: la biblioteca di Alessandria, le dispute filosofiche, le pitture belle come quelle di Fayum: tutto cancellato, tutto perso. L'agricoltura affidata a schiavi ha distrutto l’irrigazione, che presuppone lavoro intelligente, non coatto, di gente che lavora per sé e per i propri figli. Il taglio degli alberi per fabbricare le navi che per secoli hanno fornito schiavi, era la mia gente, ha desertificato il Nord Africa. Il Sudan è stato un luogo ricco e colto, culla della civiltà copta, che dall’Egitto ha raggiunto l’Etiopia. I regni copti di Dongola e Axum hanno partecipato alla prima crociata. Lo hanno fatto per liberare il Santo Sepolcro, distrutto dagli islamici, che crocifissero i pellegrini: l’idiozia dell’islam religione di pace e tolleranza lasciamola ai deliri del regista Ridley Scott, l’idiozia delle crociate fatte per motivi economici, in un’epoca in cui dell’economia non si aveva nessuna idea, lasciamola alla critica degli storiografi marxisti, che, poveretti, partono dal presupposto che Lenin fosse intelligente e Marx buono, che non sono nemmeno riusciti a capire che il marxismo altro non è che la teorizzazione del ritorno allo stato feudale e quindi sono allenati alla storiografia fantastica. Ma non è stato il solo motivo: c’era anche la necessità di salvare la testa dei loro figli e il ventre delle loro donne: una volta diventato il Mediterraneo un mare islamico, la cristianità sarebbe stata distrutta, come l’ebraismo. Islamico, il Sudan è un luogo di dolore, miseria, sterminio.




La cristianità preferisce aggredire Israele, inventarsi che il popolo palestinese, così si chiamano adesso gli occupanti islamici di Samaria e Galilea, che gli egiziani spostati nella Striscia di Gaza da Nasser siano un popolo che sta subendo un’occupazione militare, un popolo che ha il “diritto” di distruggere lo stato di Israele, o perlomeno di continuare a provarci, senza che gli israeliani abbiano il diritto di difendersi.




Cosa c’entra Israele con i cristiani massacrati in Siria? E con i copti massacrati in Egitto? E con i cristiani bruciati vivi in Nigeria: c’è un agghiacciante filmato che mostra corpi in fiamme che cercano di sottrarsi.




C’entra, anzi è tutto lì. La parte più ignobile e folle della cristianità, o delle persone che si credono cristiane, si è schierata contro Israele. Nella mente di molti, di troppo, è rimasta l’idea folle che un popolo abbia la responsabilità del Deicidio. La responsabilità del Deicidio ce l’ha Dio. Gesù Cristo deve andare verso la morte, è necessario, non la evita e la cerca. Lui è l’unico responsabile di una Morte che è il Dono a tutti noi, la certezza che nel dolore c’è Dio, non una sua punizione. Dal punto di vista storico la crocifissione, supplizio romano, è stata eseguita da soldati Romani, sotto l’impero romano, per ordine di un prefetto romano. Gesù è stato ucciso da romani, non dai romani, tutti, ma da alcuni romani, quelli lì, quelli presenti, in quel momento. Era stato condannato a morte da ebrei, non dagli ebrei, da alcuni ebrei, altri erano suoi seguaci, la maggioranza non sapeva nemmeno cosa stesse succedendo e nemmeno chi fosse Gesù perché non abitavano a Gerusalemme e non l’avevano mai incontrato. Coloro che lo avevano condannato a morte avevano chiesto la sua morte, non che fosse ucciso in maniera così atroce. In realtà ricordiamoci che Cristo era ebreo, uno di loro, e che i romani erano gli altri, i nemici, gli occupanti. Esiste una teoria, e non è del tutto balzana, che il sinedrio abbia condannato a morte Gesù dando per scontato che con la sua dialettica davanti a Pilato se la sarebbe cavata, evitando la pena di morte. Era una maniera per rimettere in riga un eretico. Ma Gesù davanti a Pilato tace, perché deve andare incontro al suo destino, che è la nostra salvezza.




Moltissimi cristiani conservano l’odio per gli ebrei, l’odio per Israele, si sono alleati spiritualmente o fisicamente con l’islam perché distrugga Israele e realizzi così l’antisemitismo che conservano nelle loro menti minuscole e nei loro cuori aridi e secchi come il deserto che ha racchiuso la grandezza di Cristo per 40 giorni senza esserne toccato e senza germogliare. Racchiudono La certezza che il popolo di Israele debba essere “punito” con la diaspora, e che quella diaspora non debba finire.




Questa teoria è contenuta nelle parole di molti Padri della Chiesa, che erano Uomini, e come tali fallaci. Grandissimi da un lato, peccatori di odio e superbia dall’altro. Come sbaglia Abramo per alcuni versi grandissimo e per altri ignobile: quando spaccia una bellissima sposa per sua sorella, quando si unisce alla schiava. Come sbaglia Davide, grandissimo re che commette l’azione ignobile di mandare a morte il soldato fedele per rubargli la sposa. Noi siamo uomini. E possiamo essere grandissimi e ignobili e nessuno è al riparo da questo. Solo Cristo non commette errori, solo Maria non commette peccati. Gli altri sì, anche i grandissimi, anche i patriarchi, anche i padri della Chiesa. Cristo non è morto in croce perché si fondasse una religione dogmatica dove la parola di altri valga più della sua.




“Perdona loro che non sanno quello che fanno” è stato pronunciato: da quell’istante tutti i veri responsabili della crocefissione, un pugno di ebrei intolleranti e un pugno di romani molti crudeli, sono stati perdonati e chiunque violi quel perdono sta violando la volontà di Dio. In quale punto del Vangelo Cristo vi ha incaricato di vendicarlo?




Il cristianesimo davanti al nazismo che era un pericolo mortale, che dichiarava Cristo e Maria e Pietro appartenenti a una razza inferiore, ha preferito non riconoscere lo scontro di civiltà. Usare saggezza, cioè viltà. Gli ebrei sarebbero stati massacrati, salvo qualcuno salvato in qualche convento, ma non basta, e la cristianità non sarebbe stata toccata. Il risultato è stato Auschwitz.




Ora di nuovo una parte del cristianesimo, o di sedicenti cristiani, commette lo stesso crimine: si schiera contro Israele, si vende alla causa del terrorismo islamico, ingentilisce la propria voce davanti al mostro.




Non è per avere la salvezza fisica dei propri figli. I figli del cristianesimo erano al sicuro negli anni 60. E’ stata l’approvazione occidentale e di una mostruosa parte di gerarchie ecclesiastiche al terrorismo palestinese che ha scatenato la belva. Il Sinodo dei Vescovi del medio Oriente ha assolto il terrorismo islamico affermando che ogni suo gesto è dovuto all’esasperazione dell’esistenza di Israele, “un corpo estraneo che rode” è stato definito. Di ogni gesto contro i cristiani sarà ritenuto responsabile Israele: la belva è stata scatenata. Certo che Israele è un corpo estraneo: un luogo di democrazia, di civiltà di pace dove i cristiani aumentano e non sono perseguitati. Certo che “ rode” che in paese che, quando islamico era una terra di sassi, paludi e scorpioni, ora sia un luogo di progresso e benessere. Per gli stessi motivi, sono oasi di lavoro, di benessere, di pace, sono considerate corpi estranei che rodono le comunità cristiane.




I risultati li abbiamo sotto gli occhi.




La Provvidenza non permette che lo stesso errore, lo stesso crimine, venga commesso due volte e la storia nemmeno. O la cristianità si schiera con Israele, o afferma che l’islam è un nemico mortale per entrambi, o riconosce che nessun dialogo è possibile con chi ha condannato l’adultera dopo che era stata graziata, o verrà spazzata via.




E questo non può succedere.




Non succederà. Se succedesse vuol dire che quello che è successo sul Carmelo non ha avuto senso.




Quindi non succederà. Non può succedere.




Cominciamo noi. Basta un’unica fiaccola perché il buio non sia assoluto. E da una candela all’altra, da una fiaccola all’altra la luce riconquista il mondo e il buio viene vinto.







****************

Una bellissima notizia: il premio Nobel per la pace all’Unione Europea (impegnata nell'islamizzazione dell'Europa!)

di Silvana De Mari

16/10/2012 11:42:45 L’Unione Europea è l’istituzione che più di ogni altra si è adoperata e si sta adoperando all’islamizzazione dell’Europa. Due piccoli esempi, due minuscoli particolari che riporto in quanto, essendo piccole cose, saranno sfuggite ai più. Con il denaro dei nostri contributi, in un'Europa in crisi economica, la Ue l’anno scorso nell’ambito delle attività culturali ha indetto un premio in denaro ( molto denaro) alla migliore foto di minareto o moschea su suolo europeo, (http://www.cafebabel.it/article/36468/europa-islam-perche-concorso-minareto-piu-bello.html ). Cinque milioni di euro sono stati sperperati dalla Ue per agende scolastiche. L’agenda ogni studente se la compra da solo, scegliendo quella con la grafica e le immagini o i fumetti che preferisce. L’agenda scolastica statale viene buttata. Ma la cosa gravissima è che le agende riportavano le feste religiose di tutte le religioni meno il cristianesimo, mancavano Pasqua e Natale.




Eurabia. Come l’Europa è diventata anticristiana, antioccidentale, antiamericana, antisemita è il titolo dell’imperdibile saggio della scrittrice Bat Ye’or, nata in Egitto, in cui spiega come la Comunità Europea, insieme al mondo culturale europeo, incluso gli accademici che assegnano i premi Nobel, abbiano distrutto l’anima dell’Europa e la stiano consegnando all’islam. Bat Yèor, come Magdi Cristiano è costretta a muoversi con la scorta: quando qualcuno subisce minacce di morte possiamo assumere che vale la pena di conoscere le sue parole.




All’inizio della mia ricerca, l’antisionismo dell’Unione Europea mi sembrava un elemento accessorio della genesi e della creazione di Eurabia, e mi accingevo a ridimensionarne al massimo l’importanza, ma ben presto ho compreso l’inutilità di tale sforzo, poiché esso costituiva in realtà il nucleo essenziale, la colonna portante e la mente di Eurabia. Questa situazione è esplicitamente enunciata nella raccomandazione 11 del Progetto dei Fratelli Musulmani: «Adottare la causa palestinese nel progetto islamico mondiale, su un piano politico e attraverso la prospettiva del jihad, poiché si tratta della chiave di volta della rinascita del mondo arabo oggi».




Si potrebbe pensare che questo jihad non miri solo alla distruzione di Israele. E invece è stata proprio la questione palestinese lo strumento utilizzato dal jihad per disgregare l’Europa: essa ha costituito infatti il fondamento e l’impianto organico su cui è sorta Eurabia, il cuore dell’alleanza e della fusione euroarabe, germogliate sul terreno dell’antisionismo. Ora, i rapporti tra Europa e Israele, cristianesimo ed ebraismo, non investono soltanto l’ambito geostrategico, ma rappresentano il vincolo ontologico e la linfa vitale di tutta la spiritualità dell’Europa cristiana. Sono questo collante, questa spiritualità che oggi si disfano e si disintegrano in Eurabia, dove il culto della fine di Israele, alimentato dalla «palestinità», assicura il trionfo dell’ideologia dell’odio propria del jihad. Il palestinismo, nuovo culto europeo che ha preso il posto della Bibbia, sta dando forma, all’interno di Eurabia, ai miti fondanti del jihad: la supremazia morale e politica dell’islam.




Contrariamente a tutti gli altri, assegnati in Svezia, il Premio Nobel per la Pace è assegnato da accademici norvegesi: si tratta di cinque individui senza alcuna dote, fortemente politicizzati, che usano il “prestigio” e soprattutto il denaro legati al Nobel a chiunque sostenga le loro idee e dato che è il governo norvegese a nominare gli accademici il nobel (minuscolo) per la pace (minuscolo) è semplicemente un mezzo perché il governo della Norvegia estenda al mondo la sua influenza. Il Premio Nobel per la Pace viene assegnato da una commissione di cinque persone scelte dallo Storting, il parlamento norvegese. Secondo la definizione che l’Unione Europea stessa dà di antisemitismo, molti dei membri del parlamento norvegese sono antisemiti. (Dr.Manfred Gesternfeld, Behind the Humanitarian Mask). Per chiarezza, basti ricordare la reazione dell’ex primo ministro norvegese Kare Willock alla scelta di Rahm Emanuel a capo dello staff presidenziale da parte di Obama: “Non è molto promettente (come Presidente, n.d.a) se sceglie un capo di staff ebreo” (29 marzo 2011 “Norway to Jews: You’re Not Welcome Here” di Alan Dershovitz, professore di diritto a Harvard).




La situazione svedese non è molto migliore, peraltro, e possiamo valutarla dall’assegnazione dei premi nobel per la letteratura, dati a personaggi sempre minori, se possibili anticristiani, antisionisti, cioè antisemiti, pieni di disprezzo per la civiltà occidentale.




La Comunità Europea dal 1973 ha come scopo la disgregazione della spiritualità ebraico-cristiana, la disgregazione spirituale ed economica dell’Europa e la sua islamizzazione.




L’islamizzazione avviene mediante tre passaggi:




1) Libanizzazione. Un’immigrazione massiva, cui viene riconosciuto il diritto di voto e cittadinanza così da cambiare il tessuto europeo e la maggiore demografia islamica fanno sì che l’islam sia passato da sparuta minoranza a minoranza di enorme peso nel giro di 40 anni e rischi di diventare maggioranza.




2) Affiancamento della sharia al corpo giuridico. Un musulmano non può vivere dove le leggi dell’islam non regnino, perché non potrebbe seguirle. Nell’islam la divisione tra religione e Stato non può esistere. La pretesa degli immigrati, o più spesso di cittadini islamici di prima e seconda generazione, è che vengano a loro riconosciuto il diritto a leggi opposte al diritto europeo, raccolte nella sharia.




3) Aiuti economici. La crisi economica, che permetterà l’ingresso di massicci “aiuti” arabi, con ulteriore presa di possesso. Gli sceicchi del Qatar si sono offerti, dopo aver comprato le Olimpiadi, di fornire gli aiuti necessari per le fatiscenti periferie islamiche in Germania e Francia (periferie che sono degradate solo dove sono occupate da islamici). Sul Corriere della Sera di due giorni fa un’intera pagina al principe saudita che propone aiuti all’Italia.




Sono rimasta perplessa per i Premi Nobel ad Arafat, Rabin e Peres ma c’era la speranza che una vera pace potesse nascere, sono rimasta nauseata davanti agli scandalosi premi a Carter, all’Onu che ha un'Assemblea che permette a un uno Stato di dichiarare pubblicamente di voler distruggerne un altro, Al Gore, El Baradei, Ahtisaari e Barack Obama. Questo ultimo premio assegnato al gioiello del disastro economico e politico, alla più grandiosa rappresentazione, seconda solo alla defunta URSS, di una burocrazia onnipotente, mostruosa, distruttrice di ricchezza, corrotta e stolta invece mi rende felice. Individui come Barroso, Ashton, Olli Rehn, e anche Juncker, Draghi e tanti altri, grazie ai quali paesi come la Grecia, la Spagna e per certi versi anche l’Italia ed il Portogallo sono messi a ferro e fuoco e sull’orlo della guerra civile, una guerra fra poveri che, pieni di privilegi e vitalizi, stanno permettendo a banche ed alta finanza per speculare i risparmi di decine di Stati.




Grazie a questi individui ora l’Europa è un luogo dove l’antisemitismo è a livelli superiori che nel '34.




Il Nobel per la Pace 2012 viene assegnato all’Unione Europea per “gli oltre sei decenni di contributo all’avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani”, proprio nel momento in cui l’antisemitismo dilaga in maniera travolgente attraverso stati e oltre confini, e interi stati sono sull’orlo della bancarotta e della guerra civile.




Perché sono contenta? Perché questo premio sta irritando. I disoccupati greci e anche quelli spagnoli ne hanno abbastanza di queste idiozie. Il premio arriva per cercare di rafforzare il prestigio di una Unione Europea e significa che il suo prestigio ha bisogno di essere rafforzato perché è allo sbando. Si stanno sostenendo gli uni con gli altri, mondo culturale, mondo economico e mondo politico, perché stanno sprofondando. E lo sanno.




Questa Europa senz’anima e senza attributi sta morendo.




Ora la necessità è ricreare gli spazi nazionali e che all’interno di questi spazi il mondo culturale si riempia di nuovo di amore per il cristianesimo e l’ebraismo. È il nostro turno.




****************

La verità non esiste più, trionfano la dittatura finanziaria ed islamica.

di Magdi Cristiano Allam

22/10/2012 07:56:22 (Il Giornale) - La verità non esiste più! La più grande perdita della nostra civiltà laica e liberale è la negazione della nozione stessa di verità. L'ideologia del relativismo è innanzitutto un'offesa alla ragione perché pregiudizialmente ci viene imposto di mettere sullo stesso piano tutte le religioni, le culture, i valori e persino i fatti a prescindere dai loro contenuti. Ciò si traduce nella tesi secondo cui la verità si deve coniugare al plurale. Di conseguenza noi abbiamo cessato di sapere chi siamo, perché anche l'A,B,C della nostra umanità, il nostro essere persona, famiglia e la vita stessa devono essere riformulati in modo difforme dalla nostra tradizione, cultura, civiltà e persino dalla scienza.




La verità è che in Siria è in atto un vero e proprio genocidio dei cristiani. Ma non solo nessuno lo dice, all'opposto i nostri mezzi di comunicazione di massa falsificano la realtà per giustificare il fatto che questo Occidente è schierato dalla parte dei carnefici dei cristiani. Eppure si continua a volerci far credere che dobbiamo sostenere la cosiddetta “Primavera araba”, la più colossale menzogna mediatica della storia recente del Medio Oriente, dove i terroristi islamici vengono nobilitati come “attivisti”.




La verità è che Mario Monti sta distruggendo l'economia reale con oltre 224 mila imprese fallite nel 2012, la disoccupazione senza precedenti fino a registrare un milione di posti di lavoro in meno in pochi anni, il calo del Pil e della produzione industriale, il costo della vita che s'impenna tra crescita delle tasse, dell'Imu, dei carburanti, delle bollette di luce, acqua, gas e nettezza urbana, dei beni alimentari. Eppure i principali giornali e le televisioni nazionali, unitamente ai tre principali partiti in Parlamento che lo sostengono, ce lo rappresentano come il salvatore della patria e sin d'ora ci fanno intendere che verosilmente Monti sarà riconfermato dopo le elezioni anche se lui non si presenterà, perché in ogni caso chiunque vincerà, come ha chiarito il capo dello Stato Napolitano, dovrà ottemperare agli impegni sottoscritti con la Banca Centrale Europea. A che serve dunque andare a votare? Che fine fa la sostanza della democrazia se le elezioni si riducono ad un rito formale?




La verità è che stiamo subendo la dittatura della finanza speculativa che per riciclare una massa di denaro virtuale (titoli derivati, pari a 787 mila miliardi di dollari nel 2011), che è circa 12 volte il Pil mondiale (Prodotto Interno Lordo, pari a 66 mila miliardi di dollari nel 2011), impone e condiziona il potere politico ovunque nel mondo, così come stiamo subendo la schiavitù del signoraggio bancario della moneta, che è una tassa iniqua che dobbiamo pagare semplicemente perché abbiamo attribuito la prerogativa di emettere la moneta ai banchieri privati della Bce. Eppure chi ne parla tra coloro che ci governano e la stampa che sostengono i poteri finanziari forti? Nessuno!




La verità è che quest'Unione Europea è un'istituzione illegale, anti-democratica, guerrafondaia, perché impone le proprie leggi a degli Stati sovrani come se facessimo parte di uno Stato unitario, quando nel diritto internazionale un'istituzione sovranazionale non può emettere leggi vincolanti per i suoi membri; perché i poteri esecutivo e legislativo sono detenuti dalla stessa istituzione della Commissione Europea; perché i suoi membri hanno partecipato a quasi tutte le guerre che ci sono state dal dopoguerra e hanno recentemente promosso la guerra in Libia. Eppure le è stata assegnata il Premio Nobel per la Pace! è un oltraggio alla verità!




La verità è morta e trionfa la menzogna! Ci stiamo irresponsabilmente assoggettando alla dittatura ideologica degli islamici sostenendo che l'islam e il cristianesimo sono la stessa cosa, che i Fratelli Musulmani e la Democrazia Cristiana sono la stessa cosa, che il terrorismo islamico e la resistenza dei partigiani sono la stessa cosa. Ci stiamo irresponsabilmente sottomettendo alla dittatura finanziaria convincendoci che dobbiamo fare penitenza dopo aver vissuto da spendaccioni al punto da accettare di sacrificare la nostra vita per salvare l'euro. Così facendo stiamo perdendo la vita, la dignità e la libertà. La nostra salvezza dipenderà dalla nostra capacità di recuperare la ragione e riesumare la verità. Viva la verità! twitter@magdicristiano




****************

Ue: 800 cittadini europei combattono a fianco dei ribelli siriani.

di \ www.imolaoggi.it

22/05/2013 14:27:18 22 MAG – Circa 800 cittadini europei combattono attualmente in Siria a fianco dei ribelli contro il regime di Bashar al Assad. Lo scrive Le Figaro, citando stime di un diplomatico dell’Ue, confermate da un dirigente dell’opposizione siriana. Tra i combattenti, di cui alcuni hanno raggiunto le fila del gruppo jihadista Jabhat al Nusra, ci sarebbero un centinaio di francesi, altrettanti britannici, 50-70 belgi, numerosi tedeschi per lo piu’ di origine turca, irlandesi, kosovari e danesi.




Siria: Nelle milizie islamiche ci sono oltre 100 europei che hanno risposto a chiamata al jihad.




Siria, vescovo Aleppo accusa Usa e denuncia: islamisti anche dal Belgio.




Minacciati dai combattimenti, una quarantina di loro ha cominciato a fuggire in Turchia. Ma il loro eventuale rientro in Europa, dopo un addestramento estremista, preoccupa i servizi antiterrorismo. L’ultima stima di combattenti europei in Siria, fornita un mese fa dal coordinatore dell’antiterrorismo Ue, Gilles de Kerchove, parlava di 500 persone. (ANSAmed).




CHISSA’ SE GLI 800 EUROPEI SONO FRA QUESTI.




**********************

Olanda riconosce la poligamia: celebrata la prima unione legale.

di VoxNews 22/05/2013 20:14:51 E’ l’esito logico dell’approvazione delle unioni omosessuali. Venerdì scorso in Olanda è stata riconosciuto ufficialmente il primo caso di poligamia “legale” in Europa. Victor de Brujin (46 anni) ha sposato sia Bianca (31 ani) che Mirjan (35 anni) in una cerimonia davanti a un notaio che ha registrato la loro unione civile.




“Amo sia Bianca che Mirjam, così le sposo tutte e due”. Questo ha dichiarato Victor de Brujin di 46 anni. E così l’Olanda fa un altro passetto verso il baratro. Lui le “ama” tutte e due.




Già coniugato con Bianca, due anni fa ha incontrato Mirjam in una chat. Lei ha lasciato suo marito per sposarne un altro già sposato.




“Mirjam e Bianca sono bisessuali. Con due donne eterosessuali sarebbe stato più difficile”. Insomma, un “triello”. E d’ora in poi saranno possibili tutte le combinazioni a piacere, come un gioco – un triste gioco – ad incastro.




“Un matrimonio fra tre persone non è possibile in Olanda, ma un’unione civile sì. Siamo andati dal notaio, vestiti da sposi, e abbiamo scambiato gli anelli. Pensiamo che questo sia solo un normale matrimonio”.




Olanda e Belgio sono stati i primi Paesi a dare pieni diritti di matrimonio agli omosessuali, aprendo così la strada a forme legali diverse dal matrimonio fra un uomo e una donna. Ecco, quando apri il vaso di Pandora, esce tutto. Non ci si limita ai matrimoni gay, perché una volta scritto per legge che “il matrimonio non è esclusivamente tra un uomo e una donna”, si apre la pertugio che poi diventa una voragine, da cui passa qualunque cosa. Diventa infatti impossibile, discriminare tutte le altre perversioni gusti e non permettere la poligamia, la pedofilia, l’incesto e il sesso con gli animali.

*****************




Soldato ucciso con machete a Londra.

di Ansa .

22/05/2013 20:32:51 Un soldato in servizio è stato ucciso da due uomini armati, che hanno urlato 'Allah Akbar'.




Orrore e paura nel pomeriggio a Woolwich, nel sud est di Londra. Un soldato in servizio è stato decapitato da due uomini armati di machete, che potrebbero essere integralisti islamici. La vittima è stata prima immobilizzata e poi uccisa. Durante l'attacco sono state utilizzate diverse armi, tra cui - si pensa al momento - anche un'arma da fuoco. I due uomini sono stati feriti dalle forze di polizia che sono subito intervenute.




Il fatto è avvenuto oggi pomeriggio a pochi metri da una caserma della Royal Artillery, reparto di artiglieria di sua maesta'. Secondo un testimone, citato da Sky News, l'uomo ucciso indossava una t-shirt dell'associazione di volontariato 'Help for Heroes', che aiuta i militari feriti in battaglia.




L'attacco sarebbe di matrice islamica. La polizia di Londra ha affermato che i due aggressori avrebbero cercato di filmare l'assassinio.




Secondo Bbc, che cita fonti governative, gli autori urlavano 'Allah Akbar'.




L'immagine di un nero con le mani insanguinate che impugna una mannaia e un coltello compare sul sito dell'emittente televisiva britannica Itv, che afferma di essere in possesso di un filmato in cui l'uomo, che si sospetta essere uno degli autori dell'attacco nel sud di Londra in cui un soldato è stato ucciso, parla guardando dritto nella telecamera pronunciando frasi come: "Nel nome del grande Allah, non smetteremo di combattervi".




Gli autori dell'attacco oggi nel sud di Londra in cui un soldato è stato ucciso "chiedevano ai passanti di fotografarli", secondo una testimonianza riferita dalla Bbc. Lauren Collins ha raccontato che era appena scesa da un autobus quando si è accorta che per terra giaceva il corpo di un uomo. Quelli che con tutta probabilità erano gli autori dell'attacco chiedevano intanto ai passanti di fotografarli.




Il ministro britannico degli Interni Theresa May ha confermato di essere stata aggiornata dal responsabile dei servizi di sicurezza (MI5) parlando di un episodio "barbaro e raccapricciante". E il primo ministro britannico David Cameron sarà di ritorno a Londra da Bruxelles già questa sera. Cameron è al momento in viaggio verso Parigi da Bruxelles dove ha preso parte al Consiglio europeo. è prevista comunque una conferenza stampa del primo ministro a breve a Parigi.

********************




Media e terrorismo: Allah è grande (e virtuale)?

di Domenico Naso

24/05/2013 09:47:17 http://www.intelligonews.it/media-e-terrorismo-allah-e-grande-e-virtuale/ - C’è qualcosa di agghiacciante e disturbante, nellla barbara decapitazione di un soldato inglese ieri a Woolwich. Non solo il gesto in sé, che ovviamente è raccapricciante, ma tutto il corollario di azioni e comportamenti da parte del commando terrorista che lo ha compiuto.




Uccidere a sangue freddo un uomo e poi chiedere a gran voce di essere filmato per andare sui notiziari televisivi o su internet, è forse il segno dei tempi sociali e mediatici che stiamo vivendo. Proprio in Inghilterra, qualche tempo fa aveva fatto molto discutere la serie televisiva Black Mirror, un inquietante viaggio attraverso le storture della società dell’immagine e dell’informazione in tempo reale.




E un episodio della serie (White Bear) narra proprio di pazzi assassini che amano farsi riprendere da inebetiti e insensibili cittadini, che seguono le “gesta” dei killer come automi guidati solo dalle videocamere dei loro smartphone. Un corto circuito socio-mediatico che, a quanto pare, ha infranto lo specchio della finzione scenica e ha invaso la realtà.




Il video esclusivo di ITV, che mostra l’assassino con il machete e le mani insanguinate che spiega il perché dell’attacco e pretende la ripresa televisiva, è il simbolo di una tragedia che va oltre il terrorismo. La matrice islamica dell’attentato è evidente, anche se resta da capire se si è trattato di un gesto poco organizzato o della realizzazione del piano di un’organizzazione più ampia, ma il salto di qualità mediatica è evidente. Non basta più, nemmeno agli efferati terroristi islamici, seminare morte e terrore per le strade delle nostre città.




L’omicidio eclatante e barbaro diventa quasi il mezzo, e non il fine. L’obiettivo finale è la visibilità mediatica. È la teoria warholiana dei quindici minuti di celebrità che travalica il pop e la società dell’immagine e diventa macabra rivendicazione di moventi ideologici o politici. È l’altro lato della medaglia della società dell’informazione in tempo reale e della rete globale. Tanti meriti, tanti contributi per migliorare la qualità della nostra vita, ma anche qualche variabile impazzita che può diventare una minaccia per la stabilità del sistema occidentale.

In Inghilterra, per adesso, regna un giustificato terrore. Ma prima o poi, passato lo shock, toccherà riflettere sugli effetti perversi di un sistema della comunicazione che forse ci sta sfuggendo di mano.




*******************




'Islam e Moschea', Magdi Allam: “il sindaco di Crema non conosce il significato dell'Islam, del Corano e della biografia di Maometto”

di Emanuele Mandelli

25/05/2013 10:08:44 da www.cremaonline.it - Crema - Sala dei Ricevimenti affollata per il passaggio cremasco dell’europarlamentare Magdi Cristiano Allam, ospitato dalla sezione locale della Lega Nord all’interno di una serata di discussione organizzata per parlare di Islam e della prospettiva di costruzione di una moschea a Crema.




La Bonaldi non sa di cosa parla

Ovviamente Allam durante la serata si è più volte riferito alla situazione locale: “Il sindaco sbaglia ad autorizzare la moschea e lo fa unicamente perché non conosce il significato dell'Islam, del Corano e della biografia di Maometto. Se si prendesse la briga di un serio approfondimento dei contenuti capirebbe che l'Islam più che una religione è un'ideologia”.




L’Islam non è moderato

“Un pensiero totalizzante che impone la violenza e il sopruso, il non rispetto dei cristiani e degli ebrei, oltre a considerare la donna come essere inferiore. Una non separazione fra elemento religioso e governo che porta come inevitabile conseguenza l'eliminazione dell'aspetto laico della società. Non esiste un Islam moderato, ma solo singoli musulmani moderati”.




Moschea o musalla poco cambia.

Sulla questione della reale denominazione della struttura ipotizzata a Crema, moschea o musalla, l’ex vicedirettore del Corriere della Sera è stato molto netto: “Innanzitutto è bene specificare che in entrambi i casi si tratta di sale di preghiera tra le quali non esiste differenza, se non per le dimensioni essendo la seconda semplicemente di dimensioni più ridotte”.




Uno sguardo a Londra.

Non sono mancati riferimenti ai recenti fatti di cronaca, in particolare sull’episodio di violenza avvenuto per le strade di Londra, con protagonisti due estremisti islamici: “Chi ha decapitato ieri il soldato britannico - ha affermato Allam - ha emulato Maometto che ha dato esempio su come ci si deve comportare con i nemici dell'islam”.




Le firme dei cremaschi.

Al termine della serata gli esponenti cremaschi della Lega Nord hanno annunciato che il prossimo 27 maggio depositeranno le firme raccolte in queste settimane di tutti i cittadini cremaschi che hanno voluto dire no all’ipotesi dell’insediamento in città di un centro culturale, moschea o altro luogo di culto afferente l’islam.